CATANIA: GIARDINIERE COMUNALE PRECIPITA IN UN TOMBINO, FERITO

Catania. Un giardiniere della Multiservizzi stava ripulendo un’aiuola dalle erbacce nel quartiere di Librino, quando ha infilato un piede su una botola in cemento che non ha retto al suo peso, sembra per la mancanza di un sostegno di ferro rubato poco tempo prima. Così, Orazio Valenti, 29 anni, operaio della Multiservizi, è precipitato giù per circa cinque metri. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per oltre due ore per riuscire a tirarlo fuori da una caditoia larga poco meno di un metro. Dopo averne imbracato il corpo, l’uomo è stato issato con l’ausilio di una gru. Trasportato all’ospedale Vittorio Emanuele di Catania il giardiniere non è in pericolo di vita ma, secondo i primi accertamenti, ha riportato la frattura di entrambe le gambe, del bacino e avverte forti dolori al petto. Dispiaciuto l’intervento di un operaio compagno del giardiniere finito in ospedale che denuncia il lavoro in condizioni difficili tra i continui furti di caditoie che costituiscono delle trappole mortali per chi è intento a lavorare tra mille difficoltà. Poi i colleghi del malcapitato segnalano che tombini in cemento e chiusini coperti con le assi di legno non possono essere considerati una soluzione definitiva contro il mercato nero della ghisa che induce molti delinquenti a rubarne le coperture lasciando scoperte o pericolanti i sostegni che proteggono le caditoie. Ora, passata la paura infuriano le polemiche per un incidente che si poteva evitare e sulla incuria in cui versano le aree a verde del quartiere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*