TRAGEDIA IN MARE, I SUPERSTITI: NESSUNO SI E' FERMATO

barcone_immigrati

” Lesi diritti umani se confermato quanto riferito dai superstiti”. Lo ha dichiarato il prefetto di Agrigento Umberto Postiglione commentando quanto raccontato ieri dai cinque immigrati clandestini eritrei salvati da una motovedetta della Guardia di finanza in alto mare dopo 20 giorni di navigazione. altri 70 sarebbero morti durante la traversata. Gli eritrei, allo stremo delle forze, hanno detto di avere visto almeno “una decina di imbarcazioni, grandi e piccole”, ma che nessuno di loro si sarebbe fermata per prestare soccorso.

“Il Codice di navigazione internazionale – ribadisce il prefetto di Agrigento – prevede che in caso di naufraghi bisogna intervenire per salvarli. Nei prossimi giorni, quando i cinque eritrei staranno meglio potranno certamente raccontare con più lucidità quanto accaduto in alto mare”. E’ lo stesso prefetto a sottolineare che, secondo quanto confermato dagli stessi eritrei, non sarebbero stati soccorsi “in acque libiche e internazionali”.

Il ministro dell’Interno Roberto Maroni questa mattina ha ricevuto dal prefetto di Agrigento una relazione sulla vicenda. “Nella relazione, si precisa che nessuna richiesta di di soccorso al gommone che trasportava i cinque eritrei è pervenuta alle autorità italiane prima di quella che ha consentito l’intervento della guardia di finanza, né l’imbarcazione è stata mai avvistata dai numerosi servizi di pattugliamento che quotidianamente si svolgono nell’area”, riferisce il Viminale in una nota.

Gli Eritrei, raccontano di essere stati avvistati più volte  In un’occasione, sarebbero stati avvicinati da un peschereccio: “Ci aspettavamo che qualcuno tendesse una corda o una scaletta – hanno detto gli eritrei – ma ci hanno solo dato del pane e bottiglie d’acqua”. Così, il gommone su cui si trovavano si sarebbe trasformato in una vera e propria tomba.

La procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta per fare luce su quanto accaduto in acque internazionali. Proseguono nel frattempo le ricerche dei corpi in mare.

Intanto fonti militari della Valletta fanno sapere ch la Marina maltese ha avvistato e avvicinato all’inizio della settimana il gommone con a bordo i cinque eritrei messi in salvo ieri. L’equipaggio della corvetta maltese consegnò ai cinque dei giubbotti di salvataggio, fornendo loro assistenza – affermano i maltesi – nel rispetto “degli obblighi del diritto internazionale”. Ma i militari maltesi non cercarono di sviare gli eritrei dalla destinazione che avevano scelto, sostengono ancora le fonti facendo intendere che furono i migranti a non accettare di essere soccorsi insistendo nel voler raggiungere l’Italia. Diversa la versione raccontata da uno dei sopravvissuti secondo il quale lui e i suoi compagni, che erano in un grave stato di disdratazione, hanno chiesto soccorso. Ed in tutta risposta l’equipaggio della nave ha dato loro i giubbotti salvagente ed ha acceso il motore del gommone – “perché noi non avevamo la forza di farlo” – indicando la direzione di Lampedusaed abbandonando i naufraghi al loro destino.

nella foto S.E. Bruno Schettino
nella foto S.E. Bruno Schettino

La morte di oltre 70 immigrati che cercavano di raggiungere la Sicilia rappresenta una ” grave offesa all’umanità e al senso cristiano della vita “. E’ quanto ha dichiarato monsignor Bruno Schettino, Presidente della Commissione episcopale per le migrazioni e arcivescovo di Capua. Si percepisce, ha detto monsignor Schettino “un senso di povertà dell’umanità, non c’è attenzione verso l’altro, verso gente che è in fuga dalla guerra, dalla miseria, dalla povertà in cerca di serenità e di pace”.

“E’ una morte assurda – ha aggiunto – donne bambini innocenti gettati in mare, è il senso dell’uomo che decade, urge l’impegno dei cristiani di attivarsi concretamente verso coloro che soffrono, il problema è umano prima che politico”. Rispetto al problema dell’immigrazione così come esso si presenta oggi nel nostro Paese “come educatori di umanità e di umanesimo – afferma monsignor Schettino – dobbiamo essere propositivi, soprattutto nei confronti delle nuove generazioni, nel senso di una vera accoglienza verso i poveri. Davanti al povero bisogna inchinarsi. Il tema dell’accoglienza riguarda cristiani e non cristiani, l’umano è sempre umano”.

“Dobbiamo superare le distinzioni di parte – ha aggiunto l’arcivescovo – e affrontare il problema nella sua globalità, il primato dell’uomo serve a costruire un’umanità rinnovata. Io per esperienza personale mi prodigo molto in favore degli immigrati, non abbiamo bisogno di declamazioni di principi ma di esperienze concrete forti”.Non si ferma intanto lanuova ondata di sbarchi . Nella notte, la Guardia costiera ha soccorso a un miglio a Sud Ovest da Lampedusa, un gruppo di 44 extracomunitari, tunisini e marocchini, a bordo di un’imbarcazione. Mentre un gruppo di 11 extracomunitari è stato bloccato oggi dai carabinieri sull’isola di Linosa. Sbarchi anche in Sardegna. Undici clandestini algerini sono stati intercettati dai carabinieri nei pressi di Porto Pino (Carbonia Iglesias).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*