POMPIERE UCCISO A SAVOCA: DONNA FERMATA

 

 

POMPIERE UCCISO A SAVOCA: DONNA FERMATA –

I carabinieri del Comando provinciale di Messina, hanno fermato una donna di 47 anni, Fortunata Caminiti, con l’accusa di omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere. Secondo gli investigatori avrebbe ucciso Roberto Scipilliti, il vigile del fuoco di 56 anni prima scomparso e poi trovato morto a Savoca (Me) qualche giorno fa.
I militari dell’arma utilizzando delle immagini di alcune telecamere hanno individuato una Panda gialla presente sul luogo dell’omicidio riuscendo a risalire in un secondo tempo alla targa e alla ditta di noleggio ubicata in provincia di Catania dove era stata noleggiata. I titolari della ditta hanno riferito agli investigatori di aver trovato del sangue a bordo e che l’auto era stata presa in affitto dalla Caminiti, la quale per la circostanza aveva presentato documenti falsi. Quando l’auto è stata restituita la donna si era giustificata raccontando che a bordo della vettura c’era stata una lite violenta e che alcuni suoi amici erano ricoverati in ospedale. I carabinieri confrontando i dati sono risaliti alla donna che era stata arrestata qualche giorno fa a Messina all’imbarco dei traghetti con il marito Fabrizio Ceccio, 44 anni che risultava latitante. Al momento dell’identificazione, i due avevano documenti falsi e nell’auto sono state trovate una Beretta calibro 22 e una Sig Sauer calibro 9, alcuni telefoni cellulari, e 60 proiettili. Dal mese di aprile dell’anno scorso, Ceccio era ricercato per associazione per delinquere finalizzata alle truffe, al riciclaggio e alla ricettazione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*