Archiviato in | Politica, Politica Regionale

EX PROVINCE: SI TORNA ALLE ELEZIONI DIRETTE

EX PROVINCE: SI TORNA ALLE ELEZIONI DIRETTE

Ars reintroduce il voto diretto nelle ex Province. Blitz all'Assemblea siciliana nell'ultimo giorno di Assemblea. L'assessore Cracolici prevede che la legge sarà impugnata dal governo nazionale. Figuccia deputato di Forza Italia: « Abbiamo messo fine alla riforma più strampalata di Rosario Crocetta».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

EX PROVINCE: SI TORNA ALLE ELEZIONI DIRETTE –

Nell’ultimo giorno prima della pausa estiva l’Assemblea siciliana reintroduce il voto diretto per le ex province. Dopo aver votato le norme della ‘finanziaria bis’, i deputati, a sorpresa hanno chiesto alla presidenza dell’Ars di mettere ai voti il disegno di legge, iscritto all’ordine del giorno da tempo, che reintroduce il voto diretto nelle ex Province. Quest’ultimo era stato abrogato con la riforma che ha introdotto i Liberi consorzi e le città metropolitane i cui amministratori devono essere scelti con il voto di secondo livello.
Al termine dell’Assemblea i deputati presenti si sono espressi a favore dell’elezione diretta per il presidente dei Liberi consorzi, per il sindaco metropolitano e per i consiglieri di questi enti. Se la legge entrerà in vigore, le elezioni si dovrebbero svolgere in primavera quando si voterà per le amministrative. Assieme al pacchetto sono state reintrodotte anche le indennità, che saranno quantificate: per il presidente saranno uguali a quelle del sindaco della città capoluogo. I consiglieri, invece, percepiranno dei rimborsi spese.
La norma segna un ritorno al passato. La Sicilia, infatti, aveva deciso di anticipare la riforma Delrio cancellando per prima le Province, ma da allora le elezioni indirette che sarebbero state affidate agli amministratori locali, sono sempre state rinviate.
Secondo l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici: «La decisione del Parlamento siciliano è una palese violazione della norma nazionale che ha avuto da parte della stessa Assemblea regionale il suggello di grande riforma economico sociale, da applicare anche in Sicilia. Pensare di riportare i cittadini al voto senza che si attenda un riordino della materia da parte dello stesso Parlamento nazionale, rappresenta uno spot che servirà soltanto a fare propaganda elettorale. E’ evidente che questa legge sarà inevitabilmente impugnata dal governo nazionale, determinando un ulteriore condizione di caos sulle ex province che purtroppo sono già state oggetto in questi anni di una legislazione incerta e precaria”.
Soddisfatto Vincenzo Figuccia, deputato di Forza Italia all’Ars che interviene nel merito: «Abbiamo messo fine alla riforma più strampalata di Rosario Crocetta. Le ex province sono state massacrate da scelte scellerate del Pd per cinque anni. Ora si vede un po’ di luce. Torna anche la democrazia con il voto a suffragio universale. Sono orgoglioso di essere stato il primo firmatario del disegno di legge che oggi con il voto d’aula ha reintrodotto il voto diretto».
Ora bisognerà capire se la nuova legge votata ieri dall’Ars subirà l’impugnazione dal Cdm, proprio in riferimento alla legge Delrio. Eppure, quanto deliberato a Sala d’Ercole rischia di creare scompiglio anche nel resto d’Italia dove sono in tanti, nelle varie regioni, a lamentarsi per la situazione di stallo post referendum che si vive nelle ex Province. Così, se da una parte la Sicilia potrebbe detenere il primato di capofila della controriforma a livello nazionale, di contro si potrebbe pensare che il cambiamento a tutti i casti potrebbe portare a un nulla di fatto. Comunque,
una nuova proposta di riassetto delle Province, potrebbe indurre i legislatori a pensare una formula, concepita in modo diverso e non solo come un stratagemma per soddisfare le ambizioni delle segreterie politiche a cui potrebbero servire altre poltrone.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook