Archiviato in | Musica, Spettacolo

TOSCA IN SCENA AL TEATRO ANTICO DI CATANIA – INTERVISTE IN ESCLUSIVA

TOSCA IN SCENA AL TEATRO ANTICO DI CATANIA – INTERVISTE IN ESCLUSIVA

Tosca di Puccini in scena il 28, 30 e l’uno agosto al Teatro Antico di Catania con un nuovo allestimento del Teatro Massimo Bellini.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TOSCA IN SCENA AL TEATRO ANTICO DI CATANIA – INTERVISTE PRIMA DELLA PRIMA

L’opera lirica Tosca di Giacomo Puccini sarà in scena il 28 – 30 luglio e uno agosto (ore 21) al Teatro Antico di Catania, nella nuova produzione realizzata dal Teatro Massimo Bellini. Questa è annoverata tra i titoli in assoluto più amati dal pubblico del teatro d’opera. Lo spettacolo è inserito nel circuito Anfiteatro Sicilia, promosso dall’Assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e dall’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana.
I complessi artistici, Orchestra e Coro, sono del Teatro Massimo Bellini, come le maestranze tecniche che hanno allestito il sontuoso impianto scenico. Sul podio un direttore di chiara fama come Valerio Galli; maestro del coro Ross Craigmile. Regia, scene e costumi sono di Renzo Giacchieri, che ha firmato memorabili allestimenti, uno per tutti quello dell’Aida messa in scena in Egitto a Luxor sullo sfondo delle Piramidi. A margine della prova generale in esclusiva ai microfoni di informaSicilia il sovraintendente del Teatro Massimo Bellini, il direttore artistico e gli artisti Elena Rossi (Floria Tosca) e Enrique Ferrer (Mario Cavaradossi).

Nel terzetto principale, nomi di spicco quali il soprano Elena Rossi (Floria Tosca), il tenore Enrique Ferrer (Mario Cavaradossi), il baritono Lucian Petrean (Barone Scarpia). E ancora Francesco Palmieri (Cesare Angelotti), Aldo Orsolini (Spoletta), Alessandro Vargetto (nei due ruoli del sagrestano e Sciarrone), Mario Sapienza (il carceriere). Le voci bianche sono quelle del Coro Interscolastico “Vincenzo Bellini”, diretto da Daniela Giambra; a dare voce al pastorello si alterneranno nelle tre recite Marta Consoli e Giuliana Marletta.
Scritta da Giacomo Puccini all’apice della fama, Tosca apriva il Secolo Breve con una partitura che, pur rappresentando un evidente omaggio a Verdi, anticipa sonorità straordinariamente moderne, precorritrici delle opere di Richard Strauss e Alban Berg. Rappresentata per la prima volta il 14 gennaio del 1900 a Roma, il capolavoro di Puccini mette in musica il libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, tratto a sua volta dal celeberrimo dramma della gelosia di Victorien Sardou. La Tosca, portata al trionfo da Sarah Bernhardt, soprannominata La voix d’or (“La voce d’oro”) e La divina, è ad oggi considerata una delle più grandi attrici teatrali del XIX secolo.

foto Andrea Di Giovanni – operatore e montaggio video Davide Sgroi

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook