Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EMERGENZA INCENDI IN SICILIA, SINDACATI PROTESTANO

EMERGENZA INCENDI IN SICILIA, SINDACATI PROTESTANO

Scatta l’emergenza incendi in Sicilia e si sviluppano le polemiche. Caldo e temperature record producono roghi pericolosi, i sindacati lamentano: «Ritardi nella programmazione e mezzi non revisionati».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

EMERGENZA INCENDI IN SICILIA, SINDACATI PROTESTANO –

Caldo, afa e temperature record mettono a ferro e fuoco la Sicilia. In queste ultime ore si sono registrati come ogni anno l’emergenza incendi. questa mattina a Palermo e precisamente a Capo Gallo, le fiamme si sono sviluppate nuovamente, nella zona che sovrasta il club nautico Costa Ponente. la montagna della riserva brucia dalla scorsa notte.
All’alba i vigili del fuoco e gli uomini della forestale erano riusciti a circoscrivere le fiamme, ma qualche ora dopo sono riprese in modo violento. Nelle ultime 24 ore gli incendi hanno divorato diversi ettari tra Misilmeri, Bolognetta, Balestrate, e brucia anche la vegetazione adiacente lo svincolo autostradale della A29 per Terrasini, comuni nella provincia di Palermo. A Partinico per ore ha bruciato una mega discarica abusiva in via Mulini, in una zona densamente abitata e i residenti impauriti hanno lasciato le loro abitazioni e si sono riversati nelle strade.
Un incendio alimentato dal forte vento di scirocco minaccia anche il promontorio di Erice. Il versante Nord della città in provincia di Trapani. Ieri le vampe hanno interessato un’area di oltre 40 ettari, probabilmente alimentate da diversi focolai. Pino Aceto, responsabile dell’associazione di volontariato “Il Soccorso” di Trapani precisa che la: «Situazione seria è molto critica».
Le fiamme lambiscono la funivia e un capannone di un’azienda per la lavorazione della ceramica mentre il vento caldo accelera le fiamme in direzione di un distributore di carburante. Fumo e fiamme intanto, hanno invaso la strada provinciale Trapani – San Vito Lo Capo, tra Pizzolungo e Bonagia. Sul luogo operano alcune squadre di vigili del fuoco, forestali e volontari convenuti dalle varie parti del territorio. Un canadair continua a sganciare dall’alto grossi quantitativi di acqua.
E ancora incendi nella zona di Villagrazia a Palermo in contrada Rebuttone e a Monte Crasto. Sono impegnate diverse gruppi di forestali che nonostante i pochi mezzi cercano di arginare le vampe. Il fronte delle fiamme è molto ampio mentre il vento e le alte temperature di questi giorni rendono ardui gli interventi di spegnimento.
I segretari di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil Trapani, Giacometta Giacalone, Massimo Santoro e Tommaso Macaddino affermano: «Il vasto incendio che ieri ha deturpato Erice è triste conseguenza dei ritardi nella programmazione della campagna antincendio da parte della Regione Sicilia». E ancora i vertici delle sigle sindacali aggiungono: «Esprimiamo rammarico e sconforto per il rogo che ieri ha colpito duramente la montagna ericina, probabilmente a causa di qualche criminale che approfittando della giornata di vento e caldo ha causato la distruzione di un patrimonio inestimabile. Siamo altresì vicini ai lavoratori forestali già in servizio che si sono adoperati, anche a rischio della propria vita, per compiere il proprio dovere e arginare i danni».
I sindacalisti sono conviti che: «a causa dei ritardi burocratici e amministrativi della Regione siciliana nello stanziamento dei finanziamenti da destinare ai territori, non è stata permessa la totale efficacia ed efficienza del servizio, considerato che ci sono mezzi non ancora revisionati e che i viali parafuoco sono da terminare poiché non solo non tutti i lavoratori sono stati messi in servizio, ma quelli attualmente operativi sono stati chiamati al lavoro soltanto lo scorso 15 giugno». In conclusione i rappresentanti segnalano che: «L’ennesima emergenza di ieri mette in luce, ancora una volta, l’importanza di una riforma del settore che dia dignità ai lavoratori e rispetti i tempi e le esigenze del bosco e del territorio».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook