Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PESTATO PER AVER OFFESO SANT’AGATA SU FACEBOOK

PESTATO PER AVER OFFESO SANT’AGATA SU FACEBOOK

E’ accaduto a un diciassettenne di Catania. Pubblica un post su facebook nei confronti di Sant’Agata ritenuto offensivo. Prima lo minacciano e poi alla villa Bellini lo picchiano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PESTATO PER AVER OFFESO SANT’AGATA SU FACEBOOK –

Aveva pubblicato su Facebook un post offensivo nei confronti di Sant’Agata, patrona di Catania. Un diciassettenne è stato dapprima insultato e minacciato anche di morte sul social media, poi intercettato e schiaffeggiato su un autobus e successivamente malmenato da un gruppo di coetanei. Il pestaggio gli ha causato ferite guaribili in cinque giorni. La violenta aggressione è avvenuta il 1° aprile scorso alla Villa Bellini e ha causato alla vittima un trauma contusivo alla spalla destra. Il giovane aveva ricevuto insulti e minacce attraverso 40 post su Facebook, con frasi come “Devi morire”, “Non scendere al centro perché sei morto” e “Ti mandiamo in ospedale”. Dopo gli insulti e le minacce ricevute attraverso il social la madre del giovane si era rivolta alle forze dell’ordine. Intanto sulla vicenda sono in corso indagini della polizia postale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook