Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTAGIRONE, 4 ARRESTI PER FURTO E RICETTAZIONE

CALTAGIRONE, 4 ARRESTI PER FURTO E RICETTAZIONE

I carabinieri di Caltagirone hanno decapitato una banda che rubava materiale ferroso e lo al mercato nero tra Grammichele, Comiso e Paternò. Durante i furti oltre al rame rubavano tutto ciò che trovavano sul luogo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CALTAGIRONE, 4 ARRESTI PER FURTO E RICETTAZIONE –

Caltagirone. Su richiesta della Procura, il Gip ha emesso un’ordinanza cautelare eseguita dai Carabinieri della compagnia di Caltagirone nei confronti di 4 indagati per furto aggravato, furto in abitazione, rapina impropria e ricettazione.
Già nell’aprile del 2014 erano state avviate le indagini per identificare i responsabili dei numerosi furti di materiale elettrico, all’interno di impianti idrici localizzati tra Grammichele e Granieri. Le ruberie venivano effettuate per ricavare rame da rivendere sul mercato nero.
E’ stato accertato che il gruppo criminale, era radicato sul territorio e responsabile di una dozzina di furti di materiale ferroso, attrezzi, accumulatori di corrente e gasolio da trazione. I malviventi agivano anche ai danni di società impegnate in servizi di pubblica utilità, con notevoli disagi per la collettività. Le modalità con cui i colpi venivano messi a segno hanno comprovato una notevole organizzazione e spregiudicatezza dei malviventi. Infatti, in più di una circostanza, sorpresi dalle vittime mentre rubavano, non esitavano a minacciarle di morte, anche con un’ascia, o a speronarne un’auto per riuscire a fuggire.
I carabinieri hanno arrestato: Michele Abbaco, 53 anni; Salvatore Inghilterra, 51 anni; Orazio Lipsia, 35 anni, e Giuseppe Manusia, di 37. Secondo l’accusa, la banda agiva nel Calatino e vendeva il bottino a dei ricettatori di Grammichele, Comiso e Paternò, che sono stati indagati dalla Procura di Caltagirone.
I militari dell’arma hanno accertato che durante i furti rubavano qualsiasi cosa capitasse loro a portata di  mano, tanto da asportare anche un’autovettura, dei cellulari, una macchina fotografica, un carretto siciliano. Arrivando a portarecarabinieri_arresti via, in una chiesa, le offerte dei fedeli custodite in una cassetta. I carabinieri a “testimonianza della propensione a delinquere” degli indagati hanno accertato un episodio che riguarda uno degli arrestati, Lipsia, che il 15 gennaio scorso è stato ferito con un colpo di fucile all’addome sparato dal proprietario dell’abitazione nella quale stava rubando. Secondo gli investigatori, neanche il vincolo di parentela è stato sufficiente a frenare l’agire di uno dei presunti ladri, che si è reso autore di un furto persino all’interno dell’abitazione della propria nonna.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook