Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STRAGE BORSELLINO E LA SUA SCORTA, IL RICORDO

STRAGE BORSELLINO E LA SUA SCORTA, IL RICORDO

Restano ancora tanti dubbi sull'attentato che costò la vita al giudice antimafia e che bruciò la vita a 5 dei sei membri della scorta. Misteri, depistaggi e false verità. A Palermo tante iniziative per ricordare le vittime via D'Amelio: sacrificio umano che ha generato undici processi per stabilire una verità ancora lontana.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STRAGE BORSELLINO E LA SUA SCORTA, IL RICORDO –

Strage Borsellino e la sua scorta, il ricordo. Sono passati 24 anni dal massacro avvenuto a Palermo in via D’Amelio. In Sicilia si ricorda il giudice antimafia Paolo Borsellino e cinque dei sei uomini della scorta, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli. L’unico sopravvissuto di quel giorno è l’agente Antonino Vullo, che oggi ha 52 anni.
A Palermo questa sera, proiezione pubblica del film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli e la tradizionale fiaccolata promossa da “Comunità ’92”. Così i palermitani ricordano via D’Amelio e la stagione delle stragi. Il presidente dell’antimafia Rosy Bindi avverte e ricorda, è vero, che quella stagione non c’è più ma “la mafia c’è ancora, con tutte le sue mutazioni”.
Intanto nel corso degli anni si sono susseguite le iniziative volte a fare luce quanto accaduto in questo arco di tempo. Un intreccio di depistaggi, misteri e falsi pentiti che da un lato impedisce di fissare le responsabilità di chi ha organizzato l’attentato e dall’altro alza veli sul ruolo opaco svolto da vari pezzi dello Stato. Undici processi e una verità ancora lontana.
Una volta smentito il falso pentito Vincenzo Scarantino che aveva montato il depistaggio, Il pool degli investigatori dell’ex questore Arnaldo La Barbera, il nuovo corso giudiziario sulla strage è ora ispirato dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza dalle quali sono venute fuori due rami d’indagine. Una è quella che ha portato alla revisione del processo a sette personaggi già condannati all’ergastolo. Mentre l’altra è quella che ha innescato un processo quater a carico dei boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino e dei falsi pentiti Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci.
Poi l’entrata in scena di nuove figure criminali ha certamente consolidato la matrice operativa mafiosa, mettendo ognuno al posto giusto, ma ha alzato nuove ombre sulle strategie e sugli obiettivi di chi ha guidato la macchina investigativa. E proprio su questo fronte la verità, che sembrava vicina, si è di nuovo allontanata dopo l’archiviazione delle posizioni di tre uomini-chiave del pool come Salvatore La Barbera, Vincenzo Ricciardi e Mario Bo. Tutto questo accadeva mentre al processo-quater si aprivano nuovi spiragli e un vero e proprio giallo su contrasti, rivalità e manipolazioni che hanno tanto indignato Lucia Borsellino da farle dire: “Mio padre è stato ucciso due volte”.
All’interno delle iniziative promosse in questo anniversario, tornano a essere evocate le zone oscure sulle “bugie di Stato” e sulla direzione investigativa, che finora hanno impedito di dare un senso concreto alle ultime inquietudini di Borsellino, impegnato dopo la strage Falcone e nell’attesa lucida della sua eliminazione nella denuncia delle ostilità ambientali, dei veleni di palazzo e perfino dei tradimenti di qualche “giuda”.borsellino_scorta
Queste inquietudini sono temi evocati nei dibattiti, negli incontri e nelle marce organizzate per ricordare Borsellino e per reclamare “verità, non vendetta” che è anche il titolo di una conferenza.
Oggi la Commissione parlamentare antimafia ha incontrato a Palermo i vertici giudiziari e delle forze di polizia sulle “verità che mancano”.  Domani, per iniziativa delle “Agende rosse”, una passeggiata in bicicletta che si concluderà davanti alla “casa di Paolo Borsellino”, il centro di aggregazione creato dal fratello Salvatore. Inoltre si terrà un incontro con la società civile toccando vari temi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook