Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

NIGERIANE, COSTRETTE A PROSTITUIRSI, SEI ARRESTI

NIGERIANE, COSTRETTE A PROSTITUIRSI, SEI ARRESTI

Erano costrette a prostituirsi per saldare il debito contratto per il viaggio. Nella tratta giovani donne, anche minorenni. Tratti in arresto sei loro connazionali accusati associazione per delinquere, tratta di persone e favoreggiamento della prostituzione.

 

 

NIGERIANE, COSTRETTE A PROSTITUIRSI, SEI ARRESTI –

Nigeriane. Secondo la Procura di Catania, a gestire il traffico umano, sei nigeriani connazionali delle vittime, nei cui confronti la polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di fermo. Gli sfruttatori sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti, tratta di persone, favoreggiamento della prostituzione anche minorile, con l’aggravante della transnazionalità. Giovani donne nigeriane, anche minorenni venivano reclutate nel loro paese e sottoposte a un rito ‘Ju Jù’ dopo avere ricevuto i soldi per il viaggio verso l’Italia su gommoni della speranza salpati dalla Libia appena arrivate erano costrette a prostituirsi per fare fronte al debito precedentemente contratto. Da accertamenti della squadra mobile di Catania, la presunta organizzazione, aveva al suo interno, cellule operative nel capoluogo etneo, in centro e nord Italia. Inoltre, la banda reclutava in Nigeria le giovani donne che prostituzione_traffico_umanovenivano trasferite in Libia, dove rimanevano diverse settimane controllate a vista da persone armate, poi condotte a bordo di gommoni per affrontare il viaggio in Italia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook