Archiviato in | Spettacolo, Teatro

STABILE CATANIA: EROS PAGNI E’ “IL SINDACO DEL RIONE SANITÀ”

STABILE CATANIA: EROS PAGNI E’ “IL SINDACO DEL RIONE SANITÀ”

Lo spettacolo, all’inizio della sua tournée nazionale, ha debuttato lo scorso giugno al Napoli Teatro Festival con la regia di Marco Sciaccaluga e con Eros Pagni nel ruolo del protagonista. Altri interpreti: Maria Basile Scarpetta, Federico Vanni, Gennaro Apicella, Massimo Cagnina, Angela Ciaburri, Orlando Cinque, Gino De Luca, Rosario Giglio, Federica Granata, Luca Iervolino, Cecilia Lupoli, Marco Montecatino, Gennaro Piccirillo, Pietro Tammaro.

 

 

 

STABILE CATANIA: EROS PAGNI E’ “IL SINDACO DEL RIONE SANITÀ” –

Stabile Catania. Fino al 6 marzo, in scena al Teatro Stabile Verga di Catania, “il Sindaco del rione sanità” di Edoardo De Filippo. Prodotto in associazione dagli Stabili di Genova e di Napoli, lo spettacolo, all’inizio della sua tournée nazionale, ha debuttato lo scorso giugno al Napoli Teatro Festival con la regia di Marco Sciaccaluga e con Eros Pagni nel ruolo del protagonista.
Il sindaco, ispirato a una persona realmente esistita, un tale Campolungo, che spesso andava a trovare in camerino De Filippo dopo le repliche e lo stimava al punto che organizzò un funerale in differita con tanto di bara vuota dopo quello di Roma, resta a ogni modo uno dei più complessi tra i personaggi dell’autore, tra i pochissimi, se non l’unico, a essere stato pensato e de-scritto diverso da Eduardo – allora sessantenne – così abituato a cucirsi addosso per età, corporeità e presenza “la parte” («I settantacinque anni dell’uomo sono invidiabili: è alto di statura, sano, asciutto, nerboruto.
La schiena inarcata gli conferisce un’andatura regale; il colorito bronzeo della sua pelle darebbe più risalto al bianco vivo degli occhi, se un senso di difesa istintiva non lo costringesse a sorvegliare, più che a guardare, intorno a sé appesantendogli le palpebre, come se avesse perennemente sonno […]»). Antonio Barracano, il sindaco appunto, esercita nella Sanità una funzione di controllo: sorta di detentore di un governo parallelo, amministratore delle vicende del rione, è la personificazione scenica di un camorrista di vecchio stampo che distingue tra «gente per bene e gente carogna». In una sorta di ribaltamento del sistema legalitario, consapevole che chi «tiene santi» va in paradiso e chi non ne tiene «viene da me», Don Antonio si avvale dell’aiuto di Fabio Della Ragione, un medico che, esasperato e attanagliato da una volontà di fuga frenata da minacce velate condite di indecisione, è sostanzialmente costretto da anni a ottemperare ai risultati di sparatorie e regolamenti di conti per evitare le denunce e le conseguenze penali che sindaco_rione_sanità_2l’andare in ospedale comporterebbero ai “contendenti”.
Attorno al sindaco una forma di rispetto generalizzato destinato ben presto a consumarsi in una fine con il sapore della disillusione nella spirale di un inferno fin troppo terreno che «gira a vuoto». L’allestimento di Sciaccaluga conserva la partizione con un unico intervallo per i tre atti, si muove tra riproposizione quasi integrale (fatta eccezione per qualche taglio nemmeno troppo radicale) e lettura personale: convincente l’incipit, con tutti i personaggi seduti a schiera sul fondo, che segue l’introduzione di un preambolo narrativo in cui è lo stesso protagonista ad anticipare la propria morte traslando il piano della narrazione in una dimensione che ne acuisce il simbolismo già dichiarato dall’autore.
Efficace, la costruzione dello spazio scenico trasmette il giusto equilibrio tra dinamismo e stasi “architettonica”, risultando funzionale all’idea di insieme. L’aria rarefatta, certo piuttosto risicata, d’impatto si offre allo spettatore trovando nell’interpretazione, nonostante alcune debolezze sulla fonesi degli appoggi in napoletano e forse a tratti qualche eccessivo manierismo nelle battute di alcuni, una omogeneità performativa controllata, abbastanza centrata rispetto alla quale spicca Pagni non solo e non tanto per il recitativo vocalmente inteso, quanto piuttosto per un uso motorio e gestuale che stupisce nella sua misura esatta. Con Eros Pagni, Maria Basile Scarpetta, Federico Vanni, Gennaro Apicella, Massimo Cagnina, Angela Ciaburri, Orlando Cinque, Gino De Luca, Rosario Giglio,Federica Granata, Luca Iervolino, Cecilia Lupoli, Marco Montecatino, Gennaro Piccirillo, Pietro Tammaro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook