VENTO FORTISSIMO E DANNI IN SICILIA

VENTO FORTISSIMO E DANNI IN SICILIA

Vento fortissimo e danni in Sicilia. Nella provincia di Catania tutte le squadre dei vigili del fuoco sono state impiegate per emergenze critiche causate dal forte vento che spira da stamane. In mattinata circa 80 interventi di soccorso e si continua a prestare assistenza. Alberi su strada, cartelloni pericolanti, pali delle linee elettriche e telefoniche caduti, tetti scoperchiati, grondaie e intonaci pericolanti. I danni più gravi a Catania Nord e nelle aree pedemontane, Belpasso e Paternò.

Allarme a Caltagirone:

Fortissime le raffiche anche a Caltagirone e nel circondario. In città la furia del vento ha provocato diversi danni come alberi sradicati, caduti pannelli pubblicitari e varie coperture in metallo che sono finite con violenza contro le auto.
Le forti folate hanno divelto le coperture di case creando dei larghi ‘buchi’ sui tetti. L’incidente più grave nella centrale via Roma dove una pensilina coibentata è volata dalla terrazza in cui era stata installata precipitando su una vettura che in quel momento vento fortissimo e danni in siciliatransitava. Colpito al volto e alle braccia il guidatore e ha riportato ferite giudicate guaribili in 30 giorni. Sono diverse di decine le richieste di interventi di soccorso al 115 dei vigili del fuoco. Il Comune  ricorda che è in corso «l’allerta meteo a causa delle forti raffiche di vento»

Nel ragusano danni agli Impianti serricoli:

Anche in provincia di Ragusa le forti raffiche hanno creato notevoli disagi e provocato gravi danni anche agli impianti serricoli della zona. Molti gli interventi dei vigili del fuoco per rimuovere alberi dalle strade. Ma i maggiori danni si sono verificati sempre nelle campagne del ragusano e del litorale da Scoglitti a Punta Secca la potenza del vento ha strappato i teloni di plastica e danneggiato le colture. Due voli diretti a Comiso e precisamente uno proveniente da Milano Malpensa e l’altro da Parigi, per il forte vento, sono stati dirottati a Catania.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*