TRAFFICO GASOLIO, INTERCETTATA UN’ALTRA NAVE

 

 

TRAFFICO GASOLIO, INTERCETTATA UN’ALTRA NAVE –

Contrabbando tra la Libia e l’Italia: nuova operazione contro il traffico di carburante in Sicilia e il contrabbando. I militari della Guardia di Finanza di Siracusa hanno individuato la motonave “Grain M”, nello specchio di mare antistante la riserva naturale protetta di Vendicari. L’imbarcazione batteva bandiera del Togo. I militari delle unità navali delle Fiamme Gialle hanno accertato che a bordo cinque membri di equipaggio di nazionalità indonesiana. Il comandante non era stato in grado di esibire il manifesto di carico, un ingente quantitativo di carburante, tabacco e sigarette, privo di documentazione che attestasse la provenienza dei prodotti. Tre settimane fa la Procura di Catania aveva stato scoperto un altro maxitraffico di gasolio tra la Libia e l’Italia, e durante l’operazioneerano state arrestate nove persone.

I finanzieri della Compagnia di Siracusa, coordinati dal sostituto procuratore Vincenzo Nitti, hanno così scortato la motonave al Porto Grande di Siracusa, per la “visita doganale”.

A bordo, stipato in tre cisterne convenzionali, posizionate nella zona maestra della motonave e all’interno di una grossa cisterna, ricavata artigianalmente nella zona di sentina, sono stati scoperti 100 mila chili di carburante. Trovati anche 11 chili di tabacchi lavorati esteri e 31 mila euro circa, considerato provento della illecita attività di contrabbando di oli minerali.

il comandante dell’imbarcazione è stato sottoposto a fermo per contrabbando di oli minerali e di tabacchi lavorati esteri, nonché riciclaggio. I quattro componenti dell’equipaggio sono stati denunciati per favoreggiamento personale. Intanto, il Procuratore di Siracusa Francesco Paolo Giordano, ha disposto ulteriori indagini per individuare i canali di approvvigionamento del prodotto di contrabbando e i destinatari finali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*