RAGUSA, CHIUSA CASA A LUCI ROSSE

 

 

RAGUSA, CHIUSA CASA A LUCI ROSSE –

La polizia di Ragusa avvertita dai residenti ha effettuato un blitz in una casa a luci rosse in via Fratello Belleo, nel centro storico. Nel 2017 è il quarto caso che si verifica.
Il campanello che ha fatto scattare l’allarme è sempre lo stesso, il solito via vai che ha insospettito i residenti e che hanno segnalato il fatto. Il fastidio che recano i clienti è il solito: ovvero il fatto che negli annunci chi si prostituisce non inserisce la via, proprio per eludere i controlli della polizia, così il cliente contatta l’interessata e si fa illustrare la residenza, poi a causa delle indicazioni imprecise sbaglia spesso portone causando spiacevoli equivoci.
Gli agenti, dopo qualche giorno di appostamenti hanno trovato conferma.  Le persone si recavano nell’abitazione per ricevere prestazioni sessuali, il tutto dopo aver preso contatti con l’interessata su internet. I prezzi oscillavano da 50 a 200 euro, in base ai gusti e alle richieste sessuali. Al momento del controllo in casa c’era un italiano che aveva appena consumato una prestazione, peraltro con vari precedenti anche per sfruttamento della prostituzione. La proprietaria, una signora ragusana, aveva stipulato un contratto regolare con la romena che esercitava la prostituzione. Sono in corso accertamenti fiscali per appurare la regolarità dei documenti esibiti e il pagamento delle imposte di registro.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*