ORCHESTRA HJO IN UNO STRAPIENO TEATRO SANGIORGI

 

 

ORCHESTRA HJO IN UNO STRAPIENO TEATRO SANGIORGI –

Circa ottanta persone ieri sono rimaste in lista di attesa fuori dal teatro. Niente da fare, tutto esaurito al Sangiorgi per il concerto swing della HJO, un’orchestra che, nata a Catania soltanto quattro anni fa, ha già trovato la chiave giusta per crescere di popolarità con un repertorio sempre più vasto, nel quale non mancano mai i classici delle grandi orchestre jazz e le colonne sonore di note commedie musicali come “Hello, Dolly”, o “New York, New York”.
Ieri serata dedicata a Glenn Miller, Count Basie e Duke Ellington. Trascinante, il M° Benvenuto Ramaci dirige i suoi musicisti, inappuntabili in smoking e cravattino nero. Per oltre due ore si ascoltano pezzi celebri. Impossibile restare fermi. I piedi battono al ritmo e le mani tamburellano, mentre riemergono i ricordi della nostra storia collettiva.  Perché – sia detto per inciso – per gli italiani questo genere musicale evoca il secondo dopoguerra: lo sbarco, cioccolata e sigarette, il piano Marshall, la ricostruzione tra luci ed ombre della Repubblica. Ma lo swing è un ritmo che fa ancora ballare. Da qualche anno è diventato di moda, con festival, serate e a tema, negozi di abbigliamento specializzato.
Il vibrafono, strumento assai in voga nel passato, è tornato dunque in auge e, ieri sera, Alberto Asero – ospite della HJO- ha dato prova della sua bravura accompagnando l’orchestra, i cui componenti, presentati dal direttore artistico Liliana Nigro, sono: Matteo Frisenna, Dario Scimone, Salvo Musumeci e Giulio Caruso, trombe. Alfredo Vitale, Mario Basile, Salvo Ranno, Antonio Caldarella tromboni. Giovanni Caruso batteria. Carmelo La Manna contrabbasso. Angelo Fichera piano. Andrea Iurianello. Leonardo Adornetto. Francesco Di Bernardo, Alberto Guzzardi e Giovanni La Ferla, sax.
La scomparsa del noto cantante Al Jarreau , di cui si è avuta notizia durante il concerto, ha indotto l’orchestra a suonare un tributo. La stagione “Sangiorgi in Musica” prosegue le prossime settimane con altri recital in rassegna.

Francesca Lo Faro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*