SGARBI PRESENTA IL ‘MUSEO DELLA FOLLIA’

 

SGARBI PRESENTA IL ‘MUSEO DELLA FOLLIA’ – VIDEO

sgarbi_presenta_museo_della_follia_ctSgarbi. apre ufficialmente al pubblico il Museo della follia che ospita al Castello Ursino di Catania opere di Antonio Ligabue e Pietro Ghizzardi. Dal 22 aprile e fino al 23 ottobre 2016 è possibile vedere oli, sculture e disegni di Ligabue, dipinti di Ghizzardi, sculture di Cesare Inserillo e centinaia di opere sulla pazzia create dal 1600 a oggi.
Un allestimento ben fatto, perfettamente incorniciato tra le mura del Castello e ben amalgamato con i reperti già presenti all’interno. Vittorio Sgarbi, ideatore del museo, si dice emozionato e stupito dall’equilibrio e dalla bellezza di questa impostazione catanese del tutto innovativa rispetto alle precedenti collocazioni a Matera e Mantova: «Sono felice che la vostra città abbia una mostra così varia e così bella – ha detto – il luogo in cui è posto il museo dà senso alla follia e il Museo della Follia dà senso al patrimonio di questo straordinario Castello.»
La follia è proprio il filo conduttore di quella che Sgarbi precisa non essere una semplice mostra, ma un museo: luogo in cui è possibile vedere e ammirare qualcosa di finito e di morto, come il terrore e la totale assenza di umanità degli ospedali psichiatrici del passato. E in effetti al Castello Ursino di Catania ci sono tante sorprese: dalle mummie inaspettate, agli oggetti usati negli ospedali del terrore, documenti e vecchie foto, volti sbiaditi che accompagnano e completano la bellezza e la profondità delle straordinarie opere “folli” di artisti del calibro di Antonio Ligabue e Pietro Ghizzardi.
Il museo, visitabile fino al 23 ottobre 2016, segue i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 19:00 e sabato, domenica e festivi fino alle 20:30. Sono previste riduzioni di costi per gruppi, bambini e studenti universitari. Per maggiori informazioni www.museodellafollia.it

[youtube]https://youtu.be/cwgTuvd8Llc[/youtube]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*