LICATA (TP): SOPRUSI A MINORI DISABILI CHIUSA COMUNITÀ

 

 

LICATA (TP): SOPRUSI A MINORI DISABILI CHIUSA COMUNITÀ –

Licata. Una comunità alloggio di Licata in provincia di Trapani è stata sottoposta a sequestro preventivo. La causa della decisione severi maltrattamenti psicologici e fisici ad alcuni minori, inabili psichici, affidati, per la vigilanza, assistenza e sostegno psicologico. L’ordinanza cautelare è stata disposta dal gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Alessandro Macaluso. Nell’ambito dell’operazione, condotta dai carabinieri e denominata “Catene spezzate”, sono complessivamente otto le persone iscritte nel registro degli indagati.
L’assistente sociale Caterina Federico, 32 anni, responsabile della gestione della struttura, è stata arrestata e posta ai domiciliari, per tre operatori, Angelo Federico, 29 anni, Domenico Savio Federico, 24 anni, e Giovanni Cammilleri, 25 anni, è scattato il divieto di dimora nella provincia di Agrigento e l’amministratore, Salvatore Lupo, 39 anni, di Favara (Ag), è stato interdetto dall’esercizio. L’indagine ha accertato che addirittura, un minore, sarebbe stato Abusilegato, giorno e notte, con una catena di ferro alla struttura metallica del letto. Gli ospiti della comunità alloggio, sempre secondo gli investigatori, sarebbero stati tenuti in precarie condizioni igienico sanitarie e all’interno della struttura veniva utilizzata “acqua contaminata da batteri coliformi”. L’inchiesta della Procura di Agrigento, è stata approfondita dai carabinieri e ha permesso di accertare che “senza alcuno scrupolo per la condizione di fragilità psico-fisica dei minori con deficit mentali e degli altri ospiti disabili, si ricorreva sistematicamente all’inflizione di punizioni come il digiuno, il divieto di contatti telefonici con i familiari, la reclusione all’interno delle stanze da letto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*