Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA, PIZZO E MINACCE CONTRO COMMERCIANTE CATANESE

MAFIA, PIZZO E MINACCE CONTRO COMMERCIANTE CATANESE

Il gruppo era legato al clan Cappello-Bonaccorso e minacciavano il commerciante: “Se non paghi sequestriamo tuo figlio”. Colti in flagrante: sei arresti per usura ed estorsione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA, PIZZO E MINACCE CONTRO COMMERCIANTE CATANESE –

Sono stati arrestati dalla polizia a Catania per usura ed estorsione: i sei uomini erano legati al clan Cappello-Bonaccorsi. Avrebbero vessato e minacciato il titolare di un esercizio commerciale. L’imprenditore dopo un prestito di 4.000 euro risalente al settembre 2017 era costretto a pagare interessi usurari del 25% mensile. Claudio Strano, 40 anni, era a capo del gruppo, noto esponente dell’omonima famiglia inserita nella cosca mafiosa Cappello-Bonaccorsi. Le manette sono scattate anche per: Salvatore Crupi, 36 anni, e Roberto Mangiagli, 39, colti in flagrante al momento dell’estorsione, Antonino Grasso, 62 anni, Orazio Sapuppo, 43, e Michele Rao, 44 anni.

l’imprenditore trovandosi in difficoltà economiche, dopo aver pagato gli interessi per alcuni mesi, non è più riuscito a sostenerne il pagamento. Così Strano ha più volte inviato Crupi e Mangiagli nel negozio per intimare al titolare di continuare a versare i soldi. Molte le minacce che l’imprenditore ha dovuto sopportare. In una circostanza gli emissari hanno prelevato denaro direttamente dalla cassa dell’esercizio commerciale. Addirittura il 30 gennaio Strano ha minacciato il commerciante di violente ritorsioni, minacciandolo di rapire il figlio minorenne. Al momento dell’ultima consegna gli agenti sono intervenuti, bloccando i due esattori con 300 euro appena consegnati.  Dagli indizi successivi si è arrivati agli altri quattro. Due dei quali, Sapuppo e Grasso, avevano sottoposto il negoziante a una parallela usura, approfittando della sua debolezza.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook