EMERGENZA RIFIUTI IN SICILIA, MUSUMECI VOLA A ROMA

EMERGENZA RIFIUTI IN SICILIA, MUSUMECI VOLA A ROMA

Il presidente Musumeci ammette che è emergenza da vent’anni: «Mi intesto questa battaglia. Il vero problema è la discarica di Bellolampo, chiederò a Gentiloni poteri speciali». Intanto Cocina è stato nominato a capo del dipartimento.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

EMERGENZA RIFIUTI IN SICILIA, MUSUMECI VOLA A ROMA  –

Emergenza rifiuti in Sicilia, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci indice una conferenza stampa. Nel corso dell’incontro con la stampa Musumeci interviene: «Come governo ci siamo dati una regola: compiere una operazione verità; prima della terapia serve una diagnosi che deve essere spietata senza attribuire responsabilità ad altri. Il settore di maggiore criticità è quello dei rifiuti – ha detto il governatore – Credo di poter dire che la situazione dei rifiuti in Sicilia è assai grave; parlare di emergenza per un problema che si trascina da 20 anni mi sembra grave: è un’emergenza strutturale».
Musumeci ha anche annunciato che Salvo Cocina è stato nominato nuovo capo del dipartimento dell’assessorato all’Energia e rifiuti e che la giunta lo ha nominato nella sua ultima seduta del 2017.

Sempre Musumeci ha aggiunto che la situazione è tragica e che: «Il problema dei rifiuti è Bellolampo, l’emergenza più grave. Tra un mese se nulla cambia, la Sicilia occidentale non avrà più dove scaricare i rifiuti. Bellolampo è una discarica pubblica attivata nel 2013 dal commissario per l’emergenza Marco Lupo. La sesta vasca è già colma e bisogna intervenire per trovare spazio o attivare una settima vasca ma per farlo secondo i tecnici servono sette mesi. Questa situazione non può essere risolta con strumenti ordinari».

Il Presidente ha spiegato inoltre che: «Da vent’anni la politica siciliana prova a risolvere il problema dei rifiuti invocando lo stato di emergenza». E ha anche citato i predecessori degli ultimi 20 anni da «Capodicasa a Crocetta, passando per Cuffaro e Lombardo» ha detto: «è mai possibile che si siano invocati poteri speciali senza che si sia risolto il problema? Chi doveva fare la sua parte non l’ha fatto ed è inutile invocare la vicenda degli Ato e delle Srr». Musumeci aggiungendo che la competenza sui rifiuti in Sicilia deve andare alle ex Province, oggi enti di vasta area, ha affermato con decisione: «Domani chiederò a Gentiloni la dichiarazione di emergenza ambientale limitatamente alla discarica palermitana di Bellolampo e ai comuni che conferiscono nel sito. Ho bisogno di poteri speciali. Quello di Bellolampo è il problema più grave».

Secondo il capo della giunta regionale è necessario riformare la legge 9 del 2010, che istituisce le società di regolamentazione del servizio di gestione della raccolta dei rifiuti e ha auspicato che: «Questa legge va fatta entro la primavera e la giunta sta predisponendo un suo ddl. Inoltre occorre un nuovo piano dei rifiuti, potenziare la differenziata, trovare soluzioni per il debito degli Ato e incentivi alle imprese che utilizzano materiali riciclati: questo si può fare con poteri ordinari; ho trovato un dipartimento spopolato». Severe le parole di Musumeci che ha detto: «Bellolampo è la più grande crisi, ma sullo sfondo la crisi è generale. Tutte le discariche in Sicilia sono prossime al collasso. Abbiamo due milioni di metri cubi da conferire. in Sicilia ogni giorno vengono portati in discarica 5 mila tonnellate di rifiuti. Se nulla dovesse cambiare a settembre non avremmo più dove metterli».

In merito alle percentuali di raccolta differenziata, arrivate al 22% secondo i dati della Regione e divulgati nel luglio di due anni fa, Musumeci ha detto con fermezza che: «quei dati non erano veri» perché inferiori. Il presidente ha annunciato che nei prossimi giorni incontrerà i commissari degli Ato e costituirà un servizio ispettivo per verificare inadempimenti e omissioni. Ha inoltre annunciato che insieme all’assessore regionale al Bilancio individuerà dei commissari ad acta e ha ribadendo: «Non si gioca con il denaro pubblico». Rispondendo ai cronisti che chiedevano se egli terrà l’interim all’Energia e rifiuti dopo le dimissioni di Vincenzo Figuccia ha risposto: «Non c’è premura: o con o senza assessore desidero seguire da vicino questo ramo dell’amministrazione. Quel ruolo in giunta è stato riconosciuto a uno dei partiti della coalizione (riferendosi all’Udc, ndr). Ho rispetto per i partiti che sono il sale della democrazia: spero di trovare un esperto con competenze tecniche e ho pure chiesto una stanza in assessorato per seguire tutto da vicino».

Poi riserva una frecciata all’esecutivo precedente guidato da Rosario Crocetta: «A che serve aver messo un magistrato alla guida dell’assessorato ai Rifiuti? La politica non può riabilitarsi affidandosi ad altre istituzioni dello Stato. Stiamo mettendo i piedi su un terreno minato e abbiamo il dovere di farlo: su questo tema si gioca la credibilità del mio governo, una credibilità che hanno perso i miei predecessori». Quindi per Musumeci la questione rifiuti in Sicilia come ha ribadito: «non è una sfida di destra o sinistra, ma di civiltà. Chiudiamo col passato e intestiamoci la battaglia. Però senza l’aiuto dei comuni non potrò andare da nessuna parte».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook