Archiviato in | Mostre, Musei

MUSEUM&FASHION CATANIA, SCIRÈ PARLA DELLA MOSTRA E SI RACCONTA

MUSEUM&FASHION CATANIA, SCIRÈ PARLA DELLA MOSTRA E SI RACCONTA

Edoardo Scirè descrive la mostra dedicata ai: «60 anni del Carosello: Lenci, gonfiabili e ritornelli», da lui ideata anche per coloro che hanno vissuto il boom economico di quegli anni: un vero e proprio viaggio indietro nel tempo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUSEUM&FASHION CATANIA, SCIRÈ PARLA DELLA MOSTRA E SI RACCONTA…

Circondato dai pezzi della storia del Carosello, Edoardo Scirè, famoso PR, parla della sua vita, dell’incontro con la nota stilista Marella Ferrera e del suo segreto per diventare comunicatori. «Dopo gli studi linguistici- ha dichiarato – e le esperienze passate all’estero, ho notato una certa attitudine naturale di rivolgermi alle persone. Sentivo la necessità di parlare, scambiare le mie opinioni. In poche parole: comunicare». Così, Edoardo Scirè è riuscito nel suo obiettivo durante quelli che definisce, gli anni della gioventù, il periodo in cui la comunicazione si realizzava soprattutto attraverso le radio libere.
«Nel mio percorso, hanno inciso sicuramente i miei genitori, che hanno insistito affinché portassi a termine gli studi. Ho conseguito la laurea in lingue, per poi arricchire il mio bagaglio culturale attraverso le esperienze di insegnamento all’estero. Tuttavia, la passione di comunicare non si è mai sopita» .
Questa passione è tangibile nella recente mostra dedicata ai «60 anni del Carosello: Lenci, gonfiabili e ritornelli», da lui ideata anche per coloro che hanno vissuto il boom economico di quegli anni: un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, a quel format di dieci minuti, concentrato negli sketch che rappresentavano personaggi paffuti e sorridenti che incollavano bambini, ragazzini e non solo davanti alla televisione. «L’allestimento è della famosa stilista Marella Ferrera e del designer Paolo Gagliardi, che hanno reso onore a questi pezzi storici, rari che appartengono all’era del famoso Carosello pubblicitario. Aggiunge Scirè: «Con questo evento ho voluto ricordare gli anni della fanciullezza, della mia adolescenza, – dice con un nostalgico sorriso nel ricordare gli slogan che raffiguravano il periodo d’oro dell’Italia-  i momenti in cui attendevo l’appuntamento con il Carosello e il famoso “diktat”, meno piacevole, dei genitori Dopo carosello, a nanna!».

Così, l’anima del Carosello, possiamo ben dirlo, non si è mai spenta: l’entusiasmo del ricordo è stato palpabile all’opening, che ha risvegliato l’animo fanciullesco dei presenti, nel rivedere (e nello scoprire, come nel caso dei più piccini!) personaggi quali Conciliaaaa, il vigile che – come afferma Edoardo Scirè – incarna il siciliano e che concentra in un siparietto di due minuti l’anima del Sud; o del vessato Calimero che con la sua tenerezza «colpisce il cuore ancora oggi».
Quando poniamo, poi, la domanda su come ha conosciuto la moglie, la stilista Marella Ferrera, e sul loro rapporto in ambito lavorativo, non posso fare a meno di notare un velo di dolcezza che cala sui suoi occhi. «Ci siamo incrociati in una sfilata, quando io sono stato chiamato per curarne la regia e la colonna sonora… e così è cominciato il nostro percorso che dura da ben trent’anni. Come dire: galeotta fu la musica! – prosegue – Inoltre il vincolo coniugale passa in secondo piano, pochi in passato sapevano che eravamo sposati. Abbiamo svolto i nostri ruoli con professionalità e posso affermare, da PR, che Marella è un vulcano di idee vincenti e innovative – ride – anche quando dorme! Non mi è difficile comunicare il suo stile. Fa subito presa».
Una favola dal sapore siciliano che non può non indurre a chiedere quale sia stata la loro gioia, professionale, più grande. «Le gioie che abbiamo condiviso sono tante: dal debutto di Marella in alta moda, acclamata come la rivelazione dell’anno nel 1993, e poi il debutto in teatro; le sfilate all’estero, anche in un concerto di Bocelli; gli inviti in tutto il mondo, Sud Africa, Marocco… Soddisfazioni di cui non riesco a fare una classifica, perché ogni momento è stato un mattone importante della nostra storia».
Si respira nell’aria, l’amore che Edoardo Scirè prova per sua moglie e per il suo lavoro… un lavoro di cui conosce tutte le sfaccettature e di cui dà un prezioso consiglio: «Il segreto di un buon comunicatore è cercare di avere sempre una fonte di riferimento e non cercare mai la falsa notizia. Il mio consiglio è Fare sapere e fare sapere bene!».

Eleonora Bellina

Foto e servizio video Davide Sgroi

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook