Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DOTTORESSA VIOLENTATA IN GUARDIA MEDICA: «SONO STATA SUBITO DIMENTICATA»

DOTTORESSA VIOLENTATA IN GUARDIA MEDICA: «SONO STATA SUBITO DIMENTICATA»

Aggredita due mesi fa nella guardia medica di Trecastagni, Serafina Strano accusa le donne in politica: «Vicinanza solo da Boldrini, delusa da Lorenzin e Boschi».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DOTTORESSA VIOLENTATA IN GUARDIA MEDICA: «SONO STATA SUBITO DIMENTICATA» –

La dottoressa Serafina Strano, violentata da un suo paziente due mesi fa nella guardia medica di Trecastagni comune in provincia di Catania, in un’intervista a Qn si rivolge contro la politica: «Sono stata subito dimenticata. La guardia medica è una zona franca, non solo in Sicilia ma in tutt’Italia. È da settembre che lancio appelli, inascoltati, innanzitutto alle Asp, che dovrebbero garantire sicurezza e incolumità. Sono passati due mesi e si fanno solo chiacchiere». La Strano ribadisce l’accusa di: «essere stata violentata anche dalle istituzioni». «L’unica che si è rivolta nei miei confronti in maniera umana e sincera, da donna, è stata la presidente della Camera, Laura Boldrini. Mi ha chiamato, mi ha ascoltato e mi ha chiesto di essere presente alla manifestazione del 25 alla Camera. Tolta la Boldrini, un silenzio assordante» ha detto la dottoressa.

Per quanto riguarda il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin ha dichiarato la Strano: «sono molto rammaricata del suo atteggiamento. Ha fatto delle dichiarazioni formali subito dopo la vicenda e non si è degnata neppure di telefonarmi». Continua la vittima della violenza: «Si è limitata alla buffonata dell’invio degli ispettori ministeriali: sono arrivati preceduti dalle fanfare. Sei ispettori, a spese dello Stato, a controllare un tugurio su cui, dalla mattina, erano partite le pulizie generali. Questa ispezione annunciata l’ho vissuta come un’altra violenza».

L’ex presidente della Regione Crocetta, sottolinea la Strano: «ha telefonato, ha promesso mare e monti, mi ha espresso solidarietà ma poi non l’ho più risentito né visto». Fioccano le accuse anche per la sottosegretaria Maria Elena Boschi: «In questi giorni era a Taormina, a pochi chilometri da qui, per il G7. Un’inutile passerella. Come crede che mi sia sentita quando vedevo lei e le sue colleghe passeggiare e sorridere accanto al mare?».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook