Archiviato in | Politica Regionale

REGIONE SICILIANA, PROVE TECNICHE PER LA GIUNTA DI GOVERNO

REGIONE SICILIANA, PROVE TECNICHE PER LA GIUNTA DI GOVERNO

Fervono le trattative per la formazione della giunta di governo: quattro in lista per la sanità, mentre Sgarbi potrebbe rinunciare all’assessorato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE SICILIANA, PROVE TECNICHE PER LA GIUNTA DI GOVERNO –

L’assessorato regionale alla sanità, proprio questa delega potrebbe già significare uno dei punti molto contesi nella maggioranza che sostiene Nello Musumeci. La formazione della giunta di governo potrebbe già arrivare la prossima settimana. Intanto Musumeci, la scorsa settimana, ha smentito, le indiscrezioni circolate compresa l’eventuale nomina di Massimo Russo a segretario generale. La Corte d’Appello, sabato prossimo potrebbe procedere alla proclamazione del presidente eletto e al conseguente giuramento. Musumeci si insedierebbe, poi, nella stessa giornata di sabato o al massimo lunedì 20 novembre procedendo, nel corso della settimana, all’individuazione e alla nomina della giunta di governo. Per quanto riguarda l’insediamento dei 70 deputati bisognerà aspettare ancora e la loro proclamazione avverrà nel mese di dicembre.

Intanto il governo, una volta formato, potrà iniziare a lavorare e affrontare i tantissimi problemi. Già il primo nodo da risolvere, come già prima specificato, è quello della sanità. In campagna elettorale il possibile designato alla poltrona era Roberto Lagalla che potrebbe ricoprire da subito un altro incarico. Il risultato ottenuto dalla lista Popolari e Autonomisti è tale da non poter dubitare della sua nomina. Ma Lagalla, potrebbe rinunciare e accettare la delega di assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale.

Quindi ad ambire all’assessorato per la sanità restano in due. Per parte catanese c’è l’azzurro Marco Falcone, già capogruppo di Forza Italia nella passata legislatura e grande oppositore di Crocetta, che passato in questa legislatura vorrebbe impegnarsi nell’amministrazione proprio nella sanità. Per quanto riguarda il fronte ‘Diventerà bellissima’, a Palermo, c’è Alessandro Aricò che aspirerebbe ad avere la stessa delega. Aricò è da sempre stato vicino al neo Presidente Nello Musumeci e questo certamente potrebbe avvantaggiarlo nella scelta. La terza persona che aspirerebbe a quel posto è Totò Cordaro che a sedere in giunta è stato pubblicamente invitato proprio da Musumeci durante una manifestazione elettorale, però senza definire la delega. La contesa si potrebbe determinare invece, con la nomina di un tecnico e la scelta potrebbe cadere sul manager Fabrizio De Nicola, anche se nei corridoi della regione qualcuno si stupisce considerato che proprio lui negli ultimi anni è stato molto vicino al governo Crocetta. E tra le ipotesi proprio quest’ultimo dettaglio rischia di far saltare anche questa soluzione, proprio perché i membri della coalizione, potrebbero non accettare un nome che è stato molto vicino all’ex presidente Crocetta. Da questi presupposti la scelta di Musumeci si potrebbe delineare travagliata.

La delega alla sanità, potrebbe non essere l’unico problema, se ne potrebbero sviluppare degli altri. Come ad esempio le Attività produttive. Infatti, proprio ieri i responsabili di Confesercenti sono tornati a chiedere celerità nel predisporre al giunta per iniziare subito a parlare di imprese e commercio. E proprio Totò Cordaro, se il percorso per ottenere ‘la Sanità’ si manifestasse troppo impervio, potrebbe accettare le ‘Attività produttive’. Ma ancora è tutto da vedere.

Altro nodo da sciogliere potrebbe essere rappresentato dal designato assessore Vittorio Sgarbi. Per il neo presidente Nello Musumeci e per l’intera coalizione si tratta di una risorsa. Però, voci di corridoio fanno notare che Sgarbi assessore ai beni Culturali, pur con la sua competenza, potrebbe rivelarsi una ‘mina vagante’. Però, è proprio quello che lui vuol fare: l’assessore ai Beni Culturali. L’alternativa potrebbe essere quella di offrirgli la Presidenza della Fondazione Federico II, il settore culturale legato all’Assemblea Regionale Siciliana. Organizzazione, questa, che si occupa della realizzazione di grandi mostre ed eventi che cadono esattamente nelle sue competenze. Una volta collocato in quella posizione, Sgarbi sarebbe ancor di più una risorsa, forse più che da assessore. Ora però, bisognerebbe capire quali sono le sue aspettative. Quindi, lo scacchiere da mettere in atto è ancora ancora da definire, ma le trattative sono appena iniziate e si resta in attesa di ulteriori novità.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook