Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO LORIS: «NO A NUOVA PERIZIA PER VERONICA»

OMICIDIO LORIS: «NO A NUOVA PERIZIA PER VERONICA»

La Corte d'appello di Catania ha rigettato tutte le richieste della difesa di Veronica panarello, nessun confronto con il suocero. Il legale: «Assurde le dichiarazioni della compagna di cella».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO LORIS: «NO A NUOVA PERIZIA PER VERONICA»

La Corte d’assise d’appello di Catania ha rigettato tutte le richieste della difesa di Veronica Panarello che presente in aula. L’imputata era stata condannata il 17 ottobre del 2016 a 30 anni di reclusione dal Gup di Ragusa per l’omicidio del figlio Loris, di 8 anni, e per l’occultamento del cadavere. Il delitto avvenne nella loro casa di Santa Croce Camerina il 29 novembre del 2014, con il ragazzino strangolato con fascette di plastica.
I giudici non hanno ammesso una nuova fase istruttoria con un’altra perizia psichiatrica e il confronto tra l’imputata e il suocero, Andrea Stival, che lei ha accusato di essere il suo amante e l’assassino, come aveva sollecitato l’avvocato Francesco Villardita. L’udienza prosegue con l’intervento in aula del Pg Maria Ascettino, che rappresenta l’accusa in aula con il Pm Marco Rota. Il procedimento si celebra a porte chiuse.
l’avvocato Francesco Villardita In merito alle rivelazioni di una ex compagna di prigione della Panarello ha detto: «Se dobbiamo credere alla detenuta fino in fondo allora Veronica non ha ucciso Loris, ma si è strangolato da solo con la fascetta alla gola». Il penalista ha aggiunto: «Se dobbiamo dare credito a tutta la sua ricostruzione allora è stato un incidente domestico… La verità è che le dichiarazioni di una ex detenuta che dice che Veronica accusa il suocero per vendicarsi del marito che l’ha abbandonata rientrano nelle dinamiche sconosciute che ci sono all’interno di un carcere».
Veronica Panarello, ha confermato il suo avvocato: «non ha cambiato ricostruzione e tesi: la sua verità resta quella». Per quanto riguarda l’accusa che fosse stato il suocero, Andrea Stival, ad avere ucciso Loris che voleva rivelare al padre la loro relazione, nella sentenza di primo grado, il Gup di Ragusa, Andrea Reale, ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura per procedere per calunnia nei confronti della donna. Il penalista di Veronica Panarello, ha rivelato che la stessa: «è molto tesa perché ci avviciniamo a un momento particolare ed è in gioco la sua vita», poi ha aggiunto: «Siamo pronti comunque ad affrontare il processo mettendo in luce le criticità che abbiamo già evidenziato».
Il legale del suocero ha prospettato che: «la vendetta è una ipotesi» e inoltre ha aggiunto: «E’ una delle ipotesi che avevamo fatto. Ma soprattutto perché Andrea Stival è l’unico che poteva accusare al suo posto e scagionarsi – ha riferito il legale del nonno paterno di Loris, Francesco Biazzo -. Adesso lei dice l’avrebbe voluta fare pagare a suo marito Davide, ed è un altro elemento».
Inoltre in merito all’inchiesta aperta sul suo assistito dalla Procura di Ragusa, il legale spiega di: «non avere ancora ricevuto formalmente una richiesta di archiviazione, ma praticamente è confermata dalle indagini della Procura e dalla sentenza del Gup che condanna la Panarello e dispone la trasmissione degli atti per calunnia a carico dell’imputata».
L’avvocato Daniele Scrofani legale di Daniele Stival, sulle rivelazioni della detenuta di una vendetta della donna il suocero di avere ucciso il piccolo, commenta: «Per noi non è una grossa sorpresa, ci dà una conferma, ma non è una novità». Poi informa che: «Daniele Stival non sarà in aula neppure oggi, non ha interesse ad essere presente». Inoltre, l’avvocato Scrofani, legale di parte civile ha aggiunto: «Il processo adesso è al suo epilogo e secondo noi la sentenza di primo grado del Gup Andrea Reale reggerà al vaglio della Corte d’assise d’appello di Catania, perché nelle motivazioni ha chiarito e sciolto tutte le criticità sollevate dalla difesa».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook