Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DOTTORESSA STUPRATA, AGGRESSORE DAVANTI AL GIUDICE

DOTTORESSA STUPRATA, AGGRESSORE DAVANTI AL GIUDICE

Dottoressa stuprata alla guardia medica di Trecastagni, il 26enne Alfio Cardillo racconta la sua versione: «l'ho violentata ma non ero in me. Avevo bevuto per calmare il mal di denti, sono veramente pentito».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DOTTORESSA STUPRATA, AGGRESSORE DAVANTI AL GIUDICE –

Alfio Cardillo, il 26enne arrestato ieri dai carabinieri ha ammesso davanti al gip di Catania Pietro Currò di avere sequestrato e violentato per alcune ore una dottoressa di 51 anni mentre era in servizio alla Guardia medica in un comune del Catanese: «Non ero io, non ero in me, non so perché l’ho fatto e sono profondamente pentito».
l’avvocato Luca Sagneri legale dell’aggressore riferisce sull’interrogatorio del suo cliente: «Ha ammesso tutto, ma ha agito in un forte stato di incoscienza». Secondo la ricostruzione esposta al gip, Alfio Cardillo, avrebbe avuto un violento mal di denti che ha tentato di sedare bevendo alcolici. Proprio per questo motivo si sarebbe recato alla guardia medica, dove la dottoressa gli avrebbe somministrato un antidolorifico per via intramuscolo. L’avvocato ha inoltre evidenziato: «Quello che è successo dopo, lui non lo sa spiegare. L’unica cosa che ha ripetuto più volte è stato non ero io, sono veramente pentito». L’avvocato Sagneri ha rimarcato come il suo assistito sia incensurato e per questo ha chiesto al gip la concessione degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.
I carabinieri della Compagnia di Acireale avevano arrestato Cardillo dopo che alcuni residenti vicini alla guardia medica avevano sentito urlare nella notte la dottoressa. I militari arrivati sul luogo hanno immediatamente soccorso la donna, che era senza vestiti, e bloccato, l’uomo che si spostava tra una stanza e l’altra con i pantaloni ancora abbassati. I reati contestati dalla Procura di Catania, sono: violenza sessuale, lesioni e sequestro di persona. La dottoressa, tramite i suoi legali, ieri ha presentato denuncia contro il 26enne e ha annunciato che si costituirà parte civile nel processo. L’indagato è stato arrestato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook