Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DALAI LAMA ATTERRA A FONTANAROSSA

DALAI LAMA ATTERRA A FONTANAROSSA

Tenzin Gyatso, premio Nobel, quattordicesimo Dalai Lama è arrivato nell'aeroporto Fontanarossa con un volo privato, resterà in Sicilia fino a lunedì. Scoppia la polemica Ardizzone-Accorinti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DALAI LAMA ATTERRA A FONTANAROSSA –

Il leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace Dalai Lama Tenzin Gyatso è atterrato questa mattina nell’aeroporto di Catania con un volo privato, per una visita che si protrarrà fino a lunedì e che farà tappa a Taormina, Messina e Palermo.
Lo hanno accolto in forma ufficiale i sindaci di Catania Enzo e Messina Renato Accorinti, presente anche l’amministratore delegato di SAC, la società che gestisce lo scalo, Nico Torrisi. Appena messo piede in Sicilia, il sindaco di Messina Accorinti, ha messo al collo del Dalai Lama la sua fascia tricolore, un gesto che non è piaciuto affatto al presidente dell’Ars e parlamentare regionale messinese, Giovanni Ardizzone che su Facebook ha commentato: «Il sindaco di Messina, Renato Accorinti, confonde la fascia tricolore con la sciarpa di una squadra di calcio». Poi ha aggiunto: «Non lo poteva e non lo doveva fare».
Il sindaco di Catania gli ha consegnato un dono da parte dei cittadini catanesi affermando: «Ho espresso al Dalai Lama la gratitudine profonda della città etnea per il suo alto magistero non solo religioso ma anche morale e per le parole che sempre pronuncia in favore della pace, dell’accoglienza, della fratellanza tra gli uomini e le donne del mondo». In merito al dono ha spiegato Bianco: «Si tratta di un ‘mala’ buddista, una collana in grani utilizzata per la recitazione di formule rituali, realizzato con le pietre dell’Etna e carica dunque di energia positiva. Un regalo molto apprezzato e che ha subito indossato. Ho inoltre ricordato a Sua Santità di esser stato io, come ministro dell’Interno, a sancire il pieno riconoscimento dell’Unione buddista in Italia». In conclusione Bianco ha detto:«Abbiamo vissuto momenti di grande emozione con uno dei grandi protagonisti dell’Umanità e nel corso del nostro breve colloquio ho invitato il Dalai Lama a visitare la città di Catania».
Lunedì il Dalai Lama ritornerà a Palermo, la città che nel 1996 gli conferì la cittadinanza onoraria, dopo oltre vent’anni, per la sua conferenza sulla «Educazione alla Gioia». Al Dalai Lama saranno conferite le cittadinanze onorarie dei Comuni di Ventimiglia di Sicilia e Isola delle Femmine. Al termine della conferenza il Dalai Lama lascerà la città alla volta della Toscana. Non prima di aver ricevuto alcuni doni-simbolo: un Ficus religiosa, che è un albero sacro per eccellenza per i buddisti, gianisti e induisti. Si tratta di una pianta che non cresce nei nostri climi, coltivata all’Università di Palermo in occasione della speciale visita, l’albero sarà interrato all’Orto Botanico di Palermo.

Foto Salvo Pulvirenti

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook