Archiviato in | Spettacolo, Teatro

PIRANDELLO AL CASTELLO URSINO, LA MORTE ADDOSSO E LA MARSINA STRETTA – INTERVISTE

PIRANDELLO AL CASTELLO URSINO, LA MORTE ADDOSSO E LA MARSINA STRETTA – INTERVISTE

Ieri sera due novelle pirandelliane, ‘La morte addosso’ e 'La marsina stretta': la prima, un’introduzione dove gli attori presenti sul palcoscenico (Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania, Angelo Tosto) si lanciano in una serie di lazzi scherzi su un ipotetico provino. La seconda, una macchina perfetta che tiene il regista Angelo Tosto protagonista assoluto del racconto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PIRANDELLO AL CASTELLO URSINO, LA MORTE ADDOSSO E LA MARSINA STRETTA – INTERVISTE

Per arricchire l’offerta artistica e culturale della rassegna “Estate in Città”, organizzata dal Comune di Catania, la sede prescelta è la straordinaria sala della corte medievale del Castello Ursino che sorge in Piazza Federico di Svevia, dove dal 4 luglio al 3 agosto andranno in scena Novelle per un anno. Ieri sera è stata rappresentata ‘La morte addosso’: un’introduzione dove gli attori presenti sul palcoscenico (Giorgia Boscarino, Alessandra Costanzo, Silvio Laviano, Gaia Lo Vecchio, Liborio Natali, Giampaolo Romania, Angelo Tosto) si lanciano in una serie di lazzi scherzi su un ipotetico provino che dovranno tenere in nome di un teatro verità da sostenere e divulgare, così all’improvviso arrivano dei copioni volanti su quello che sarà il loro destino: La morte addosso, “Un nome dolcissimo… piu? dolce di una caramella: Epitelioma, si chiama. Pronunzii, pronunzii.” Sentira? che dolcezza.” Questa novella divento? l’atto unico: L’uomo dal fiore in bocca. In una notturna e desolante stazione ferroviaria, dove si sfiorano storie di persone di ogni genere, l’avventore di un bar notturno (Silvio Salinari) allaccia un breve e cordiale incontro con un viaggiatore nella notte (Liborio Natali). L’avventore dimostra un morboso attaccamento alla vita e, persino, alle sue banali piccolezze. Il motivo e? che nel suo futuro si profila un’altra travolgente prospettiva di vita. Ricominciano i lazzi e le parti vengono assegnate a secondo del temperamento e del physique du role: c’è chi uomo fa la parte di donna, all’occorrenza e se serve in teatro per lavorare si fa di tutto. C’è chi è giovane e fa il vecchio c’è chi è magro e fa il grasso: l’importante è non perdere mai l’attenzione di chi osserva incuriosito, questi abiti che si muovono, questi manichini che aspirano a diventare esseri umani.

E’ una macchina perfetta quella che tiene il nostro regista Angelo Tosto protagonista assoluto della Marsina stretta: “Egli doveva soltanto alla manica di quella marsina stretta la bella vittoria riportata quel giorno sul destino”. Singolare e rocambolesco racconto nel quale si intrecciano la “vita” e la “morte” e il destino di due giovani promessi sposi (Liborio Natali e Gaia Del Vecchio), condizionato dal profondo disagio provocato da un semplice indumento: la marsina stretta del professor Gori. Una lode speciale ad Alessandra Costanzo nel ruolo della vecchia madre che rappresenta un imponente e pingue simbolo dell’ipocrisia borghese. Due opere corali e intime ineccepibili sul piano dell’improvvisazione operata a tavolino concepita nell’alta torre del Castello Ursino; un invito alla rilettura di un corpus narrativo straordinario, che analizza con struggente lucidità il relativismo del Secolo Breve e l’insostenibile leggerezza del mal de vivre. In scena fino a giovedì 13 luglio. Prossime novelle  da martedì 18 al 20 luglio La mosca e Lumìe di Sicilia

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook