Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MARIA FALCONE INTERVISTATA: «I NEMICI PRINCIPALI DI GIOVANNI I SUOI AMICI MAGISTRATI»

MARIA FALCONE INTERVISTATA: «I NEMICI PRINCIPALI DI GIOVANNI I SUOI AMICI MAGISTRATI»

La sorella del giudice Giovanni Falcone ucciso dalla mafia a Capaci, Maria durante una intervista ha affermato che: «I nemici principali di Giovanni furono i suoi amici magistrati», ha ricordato inoltre i più leali: Chinnici, Caponnetto, Guarnotta, Grasso, Ayala.

 

 

MARIA FALCONE INTERVISTATA: «I NEMICI PRINCIPALI DI GIOVANNI I SUOI AMICI MAGISTRATI» –

Maria Falcone, sorella del Giudice Giovanni ucciso dalla mafia insieme alla moglie e alla sua scorta a Capaci (Pa), durante una intervista a ‘Soul’ programma in onda su Tv2000, condotto da Monica Mondo ha affermato che: «I nemici principali di Giovanni furono proprio i suoi amici magistrati. Molti di loro non sono stati leali mentre alcuni gli sono stati davvero amici come Chinnici, Caponnetto, Guarnotta, Grasso, Ayala».
La Falcone ha aggiunto che: «Tanti furono gli attacchi e le sconfitte tanto che fu chiamato il giudice più trombato d’Italia e purtroppo lo è stato ed è stato lasciato solo. Ma il fatto stesso che i giovani continuino a vedere in lui l’esempio di un uomo che ha saputo sacrificare la sua vita per il bene comune, pure non essendo un fervente cattolico ma un laico che credeva nell’amore del prossimo, è bello ed emozionante».
Oggi, la sorella del magistrato nel ricordo del fratello è impegnata a sensibilizzare soprattutto i più giovani ai temi della mafia e in merito ha voluto evidenziare che: «Giovanni è considerato il servitore dello Stato che credeva nei valori con i quali noi siamo cresciuti, secondo quel detto meraviglioso: quando la Patria chiama bisogna andare. Giovanni è stato chiamato ed è andato”.
Poi su Tommaso Buscetta, Maria Falcone ha ricordato che: «Giovanni gli aveva cambiato completamente la vita, perché gli aveva dato un senso dello Stato».
Nel corso dell’intervista Maria Falcone ha inoltre precisato: «Giovanni si è inventato tutto nella lotta alla mafia; quando lui è arrivato a Palermo la mafia sembrava quasi non esistesse, non se ne faceva nemmeno il nome; i vari uomini politici non la nominavano, la Chiesa non la conosceva».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook