Archiviato in | Musica, Spettacolo

ALETVINA IOFFE TORNA A DIRIGERE L’ORCHESTRA DEL TEATRO BELLINI –

ALETVINA IOFFE TORNA A DIRIGERE L’ORCHESTRA DEL TEATRO BELLINI –

Il direttore ama le sfide e, per la sua terza prova catanese, ha affrontato un programma complesso: la rara partitura per balletto “Der Damon” (Il Demone) di Paul Hindemith (1895-1963) e la celebre sinfonia “Patetica” di Petr Il’ic Cajkovskij (1840-1893).

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ALETVINA IOFFE TORNA A DIRIGERE L’ORCHESTRA DEL TEATRO BELLINI –

La direttrice d’orchestra Aletvina Ioffe durante l’intervista

Il gioco della seduzione, l’eterna lotta tra il bene e il male, la malinconia per un’esistenza che si spegne. Questi i temi del concerto che al Teatro Massimo Bellini ha segnato il ritorno sul podio di Aletvina Ioffe, la moscovita che a Catania ha già diretto nel febbraio 2013 e nella primavera 2015.
Il direttore ama le sfide e, per la sua terza prova catanese, ha affrontato un programma complesso: la rara partitura per balletto “Der Damon” (Il Demone) di Paul Hindemith (1895-1963) e la celebre sinfonia “Patetica” di Petr Il’ic Cajkovskij (1840-1893).
Sotto un certo punto di vista il concerto catanese ha rappresentato un riuscito banco di prova. La Ioffe, infatti, ha affrontato qui per la prima volta il “Der Damon”, che in futuro dirigerà nei teatri russi e in Germania, dove la composizione è nota, così come l’autore. Hindemith è stato infatti un direttore d’orchestra e compositore eccezionalmente influente in Germania, sia negli anni della Repubblica di Weimar sia dopo.
Il suo spigoloso “Der Damon”, su testo di Max Krell (1887-1962), fu eseguito per la prima volta il primo dicembre 1923 (in Italia giunse soltanto nel 1958). La partitura è destinata esclusivamente per balletto, ma al Massimo è stata data in forma di concerto. L’organico – composto da flauto, clarinetto, corno, la tromba, pianoforte e quintetto d’archi – ha creato sonorità cupe, che attingono alle p

Nella foto i ragazzi dell’orchestra ‘MusicaInsieme a Librino’ accompagnati dalla Violinista Caiolo con la direttrice Ioffe.

rofondità dell’istinto e dell’inconscio. Passaggi ritmici hanno riecheggiato la musica jazz, mentre i fiati imitavano il garrito delle rondini spaventate. Pur in assenza di “pantomima”, il messaggio in musica è chiaro: il male vince sempre, giacché il brutale demone – che ha sedotto una dopo l’altra due sorelle – cercherà senza fine la vittima successiva; sarà un’altra orchidea da violare, come suggeriscono le parole di Krell.
Intervistata, Aletvina Ioffe ha dichiarato che il “Der Damon” lascia ampia libertà interpretativa all’esecutore, giacché il compositore non segnò sul pentagramma notazioni per il direttore.
A fine concerto, in camerino hanno fatto simpatica irruzione la violinista Valentina Caiolo e i ragazzi che partecipano al progetto didattico “Musica insieme a Librino”: mentre si scattava la foto ricordo, uno dei giovani ha affermato sorprendentemente di aver preferito Hindemith a Cajkovskij.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook