Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: GIUNTA APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO

REGIONE SICILIANA: GIUNTA APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO

Inizia il tormentone e le aspettative dell’esercizio provvisorio, approvato ieri dalla giunta. Ora l’Ars attende la trasmissione per poterla discutere e approvare.

 

 

REGIONE SICILIANA: GIUNTA APPROVA ESERCIZIO PROVVISORIO –

La giunta regionale presieduta da Rosario Crocetta ha approvato l’esercizio provvisorio. Si tratta di un disegno di legge semplice che stabilisce tre mesi di proroga per la trattazione della legge finanziaria e del bilancio. Infatti permetterà di utilizzare, in questi mesi, un quarto del bilancio di previsione. Così come era avvenuto sabato scorso per la Finanziaria regionale, ieri sera il Presidente Crocetta ha comunicato l’avvenuta approvazione.
Quindi da oggi l’Assemblea Regionale Siciliana attende l’esercizio provvisorio considerato che l’iter della legge è più veloce ma il percorso è identico. Ora l’importante atto amministrativo deve andare alle commissioni di merito, poi a quella bilancio, quindi in aula dove dovrebbe essere presentata entro il 29 per essere approvato il 31.
Nell’esercizio provvisorio è inserita anche la norma salva precari. Quest’ultima è un articolo un pò anomalo e a rischio incostituzionalità che permetterebbe di prorogare i contratti in attesa dell’avvio del percorso di stabilizzazione, che sotto certi aspetti potrebbe presentare qualche difformità incostituzionale.
Claudio Barone della Uil Sicilia commenta: “Non c’è proprio nulla da festeggiare. Ancora una volta le soluzioni dell’ultimo minuto proposte dal Governo regionale non serviranno a risolvere il problema dei precari degli enti locali siciliani, e neanche le altre emergenze. Gli interventi normativi sono da verificare e deve ancora arrivare il via libera da Roma. In ogni caso il problema sarà solo rinviato di qualche mese ma poi saremo punto e a capo”.
Quindi per tutti i precari della pubblica amministrazione resta un po’ di confusione e smarrimento. Infatti essi rischiano stipendio e stabilizzazione grazie al grande marasma creato dalla giunta regionale. Ieri a Roma è stata tentata la prima mediazione per uscire da questa impasse.
Davide Faraone, renziano di Sicilia, oggi ha accompagnato l’assessore all’economia Alessandro Baccei dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi proprio per parlare del precariato in Sicilia. Fonti governative lo hanno definito un incontro positivo, durante il quale si sarebbe deciso di lavorare congiuntamente alla soluzione del problema: sarebbero state individuate alcune strade percorribili, ma gli interventi saranno vagliati meglio nei prossimi giorni.
Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta ha reso noto l’inserimento di altre norme per altri precari storici. Articoli che si sarebbero dovuti introdurre a maggio scorso in base alla finanziaria 2016 e sembra che nessuno le volesse davvero. Si tratta del funzionamento di progetti per dare continuità al lavoro degli ex sportellisti. Un percorso, quest’ultimo, che non accontenta nessuno: non piace ai detrattori degli ex sportellisti e non piace neanche a quest’ultimi. Adesso per molti lavoratori inizia un Natale di attesa e speranza a cominciare dai deputati regionali che aspettano di trattare una legge che dovrebbe essere votata al più presto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook