Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FALSO CIECO CI VEDEVA BENISSIMO, BECCATO

FALSO CIECO CI VEDEVA BENISSIMO, BECCATO

Svolgeva il ruolo di centralinista alla Regione Siciliana. La Guardia di Finanza di Palermo scopre la truffa da 300mila euro. Un falso invalido che lavora nel capoluogo siciliano è riuscito a mantenere il suo status di cieco assoluto dal 1997. Il posto di lavoro lo aveva ottenuto per la sua specifica menomazione. I militari della guardia di finanza lo hanno ripreso mentre andava in giro per la città.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FALSO CIECO CI VEDEVA BENISSIMO, BECCATO –

I militari della Guardia di Finanza di Palermo hanno scoperto e denunciato un falso cieco. Un cinquantaseienne di origine palermitana residente in un comune dell’hinterland del capoluogo siciliano da oltre 10 anni percepiva indebitamente un’indennità di accompagnamento in quanto riconosciuto “cieco assoluto” e una retribuzione per la mansione di centralinista presso un ente della Regione Siciliana, per la quale era stato assunto proprio per la sua invalidità.
L’attività investigativa è scaturita da una segnalazione al 117. I militari, dopo aver verificato la fondatezza di quanto segnalato, hanno seguito e filmato il falso invalido, in giorni e fasce orarie diverse, smascherando la truffa. Il danno per le casse pubbliche supera i 300 mila euro.
L’uomo è stato controllato dagli investigatori mentre svolgeva le normali attività quotidiane: recarsi da solo sul posto di lavoro in autobus, andare a prendere il caffè durante la pausa lavorativa senza alcun aiuto, scendere correndo la gradinata delle Poste centrali di Palermo. Attività, queste, svolte in completa autonomia e con la disinvoltura tipica di una persona dotata di vista falso_cieco_pa_denunciato_gdfnormale.
L’indagato è stato riconosciuto cieco assoluto nel 1997, riscuotendo successivamente l’indennità di accompagnamento. Poi dal 2005, percepiva anche la retribuzione da dipendente regionale con la qualifica di centralinista. I finanzieri lo hanno denunciato per truffa aggravata.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook