TRENTA SINDACI SICILIANI DALLA BOLDRINI E ALFANO

TRENTA SINDACI SICILIANI DALLA BOLDRINI E ALFANO

Nei giorni scorsi il presidente dell’Anci nazionale, Antonio De Caro, su sollecitazione dell’Associazione dei comuni siciliani, ha assunto come problema nazionale la drammatica situazione finanziaria e funzionale di comuni ed enti intermedi in Sicilia.

 

 

TRENTA SINDACI SICILIANI DALLA BOLDRINI E ALFANO –

Crisi dei comuni. Stamane più di trenta sindaci siciliani hanno incontrato a Montecitorio la Presidente della Camera, Laura Boldrini. La riunione a cui hanno preso parte circa 600 sindaci provenienti da tutta Italia è stato organizzato dall’Anci nazionale in collaborazione con la Camera dei Deputati, ha come obiettivo di ricevere la collaborazione degli amministratori locali sui temi di maggiore criticità riguardanti gli enti locali, come il patto di stabilità, il trasferimento di contributi e le tasse locali. Per l’occasione erano presenti anche il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Claudio De Vincenti.sindaci_fascia
Proprio nei giorni scorsi il presidente dell’Anci nazionale, Antonio De Caro, su sollecitazione dell’Associazione dei comuni siciliani, ha assunto come problema nazionale la drammatica situazione finanziaria e funzionale di comuni ed enti intermedi in Sicilia. Durante la riunione, il presidente Orlando ha sottolineato l’importanza e l’urgenza di una convocazione immediata del tavolo Stato-Regione-AnciSicilia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook