Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PIOPPO, ULTIMO SALUTO A GIACOMO, ANGELO E GIOUSÈ

PIOPPO, ULTIMO SALUTO A GIACOMO, ANGELO E GIOUSÈ

I tre giovani, a bordo di un’Opel Corsa, si sono schiantati ad alta velocità contro il muro di recinzione di una casa cantoniera a pochi passi dall’abitazione di uno dei ragazzi. Un quarto giovane, Gabriele Diliberto, 19 anni, è ricoverato nel reparto rianimazione del Civico di Palermo: le sue condizioni sono ancora gravi.

 

 

PIOPPO, ULTIMO SALUTO A GIACOMO, ANGELO E GIOUSÈ –

Celebrate le esequie dei tre giovanissimi Giacomo, Angelo e Giousè deceduti in un tragico incidente stradale sulla provinciale 186 che collega Monreale – Pioppo. Una folla commossa ha partecipato ai funerali dei tre giovani tragedia che ha lasciato sgomenti l’intera comunità della frazione di Pioppo.  Il sindaco di Monreale ha proclamato il lutto cittadino con bandiere a mezz’asta, in segno di lutto. Erano in tanti a gremire la chiesa di San Giuseppe che si trova nel piccolo centro. Anche lo spiazzo fuori la chiesa era pieno di gente che all’uscita hanno dato l’ultimo saluto ai tre feretri con un lancio di palloncini bianchi. Assieme ai genitori dei tre giovani, anche il sindaco Piero Capizzi e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Monreale, Silvio Volpe.
Erano presenti più di tre mila persone vicine agli amici e ai parenti di Angelo Marceca e Giacomo Guardi 19 anni, Giosuè Guardi 16 anni. I tre giovani, a bordo di un’Opel Corsa, si sono schiantati ad alta velocità contro il muro di recinzione di una casa cantoniera a pochi passi dall’abitazione di uno dei ragazzi. Un quarto giovane, Gabriele Diliberto, 19 anni, è ricoverato nel reparto rianimazione del Civico di Palermo: le sue condizioni sono ancora gravi.pallocini_bianchi_nel_cielo
Il Vescovo di Monreale, Michele Pennisi ha celebrato la santa messa “La morte di questi giovani – dice il vescovo nell’omelia – ci invita a riflettere sul mistero della vita e della morte stessa, l’ultimo nostro nemico che non riusciamo a sconfiggere. Quando si tratta della morte di giovani, poi, le emozioni sono fortissime. Ai parenti, agli amici che sono qui riuniti, chiedo di ricordare con forza e con gioia, tutti i momenti belli trascorsi in loro compagnia. Ora Gesù li ha voluti accanto a Lui. Anche se la fede in Lui ed in Dio non ci impedisce di essere tristi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook