Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PROSTITUZIONE: TRATTA NIGERIANE, ALTRI 15 ARRESTI A CATANIA

PROSTITUZIONE: TRATTA NIGERIANE, ALTRI 15 ARRESTI A CATANIA

Altra retata della polizia di Catania, fermati 15 nigeriani accusati di avere gestito una tratta di giovanissime loro connazionali. Gli accertamenti hanno verificato che altre basi dell'organizzazione erano sparse nel Paese. Le giovani migranti venivano sottoposte da connazionali a riti voodoo per obbligarle a venire in Italia e a prostituirsi. Accertata l'esistenza di più organizzazioni criminali radicate in Nigeria, Libia, Catania, Campania e in altre città del Nord Italia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PROSTITUZIONE: TRATTA NIGERIANE, ALTRI 15 ARRESTI A CATANIA –

La Polizia di Stato ha eseguito su delega della Procura di Catania, un’ordinanza cautelare nei confronti di 15 nigeriani accusati di avere “reclutato, introdotto, trasportato e ospitato” in Italia per “costringerle a esercitare la prostituzione” organizzando una tratta di giovanissime loro connazionali che avrebbero indotto a prostituirsi. I fermati sono indagati, a vario titolo, di associazione per delinquere, tratta di persone con l’aggravante della transnazionalità e di induzione e sfruttamento della prostituzione.
Gli investigatori della Squadra Mobile di Catania hanno rilevato l’esistenza di più organizzazioni criminali. Le basi erano molteplici in vari stati dell’Africa come ad esempio Nigeria e Libia. I gruppi di aguzzini presenti anche a Catania, in Campania e in altre città polizia_arresti_tratta_nigerianedel Nord Italia. Secondo l’accusa reclutavano in Nigeria giovani donne che, venivano sottoposte a rito “voodoo” e costrette a contrarre un debito, dopo venivano trasferite in Libia per essere condotte a bordo di imbarcazioni in Italia.

Una risposta a “PROSTITUZIONE: TRATTA NIGERIANE, ALTRI 15 ARRESTI A CATANIA”

  1. Francostars ha detto:

    A prescindere dai riti woodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook