Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MAFIA, BLITZ CONTRO PIZZO E USURA, 6 ARRESTI – I NOMI

CATANIA: MAFIA, BLITZ CONTRO PIZZO E USURA, 6 ARRESTI – I NOMI

Blitz della polizia che ha bloccato un lauto giro di tangenti organizzato da esponenti del clan Piacenti, della famiglia Mazzei e un membro della famiglia Laudani. La Procura di Catania ha emesso un'ordinanza cautelare nei confronti di sei indagati. Le indagini sono iniziate dopo le rivelazioni del testimone di giustizia Antonio Chiaramonte.

 

 

 

CATANIA: MAFIA, BLITZ CONTRO PIZZO E USURA, 6 ARRESTI – GLI ARRESTATI

Catania. Su delega della Procura distrettuale etnea, gli agenti della questura di Catania stanno eseguendo un’ordinanza cautelare nei confronti di sei indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di usura ed estorsioni. I reati commessi con l’aggravante mafiosa. Le indagini sono state condotte dagli investigatori della squadra mobile e riguardano l’esborso di tangenti in cui sono coinvolti esponenti del clan Piacenti, della famiglia mafiosa Mazzei – “Carcagnusi” e Laudani. Nel corso della conferenza stampa convocata per illustrare i particolari dell’operazione, gli inquirentii hanno spiegato che le indagini sono scattate dopo le dichiarazioni rilasciate da un imprenditore operante, prima nel settore della ristorazione e gestione di sale da ballo, successivamente nel settore cinematografico, in seguito divenuto testimone di giustizia, il quale ha denunciato di essere vittima di usura ed estorsione.
L’imprenditore aveva versato per circa 10 anni a Rosario Piacenti e alla madre Salvatrice Viola, somme con interessi oscillanti tra il 5% e il 10% mensili, per un totale di circa 600.000 euro. L’accordo usuraio prevedeva il pagamento di interessi mensili costanti sino al momento della restituzione della somma capitale in una o più rate. Originariamente il prestito era di 200mila euro concesso nel 2005 dai due indagati. La vittima avrebbe dovuto versare la somma mensile di 11.200 euro (134.400 annui). I due indagati sono rispettivamente figlio ed ex moglie di Giovanni Piacenti, noto come “l’elegante”, pregiudicato detenuto ed esponente di vertice dell’omonimo clan mafioso, quello dei cosiddetti “Ceusi”, radicato nel rione cittadino di Picanello.
Il produttore cinematografico, nel 2007, non potendo far fronte al debito per gli interessi usurai arresti_mazzei_ceusi_ct_1maturati, si è rivolto a Franco Raciti, esponente del clan Mazzei-“Carcagnusi” allo scopo di mediare la situazione debitoria verso la famiglia Piacenti. Da quel momento l’imprenditore è stato assoggettato e costretto al pagamento di laute somme ai Mazzei. Inoltre Mazzei, Stella e Raciti avrebbero costretto Chiaramonte a pagare dal 2009 al 2014 centinaia di euro come “pizzo”. Per l’uscita del suo film Nero Infinito inoltre i Mazzei avrebbero preteso il versamento di 5000 euro. Raciti inoltre avrebbe costretto l’imprenditore, all’inizio del 2007, a versare 500 euro (come cavallo di ritorno) per avere indietro una moto Bmw, che era stata rubata qualche giorno prima.
Le manette sono scattate per: Rosario Piacenti, pregiudicato di 51 anni, Salvatrice Viola, 66 anni, Sebastiano Mazzei, pregiudicato di 44 anni, Franco Raciti, pregiudicato di 49 anni, Lucio Stella, pregiudicato di 41 anni, e Sebastiano D’Antona, pregiudicato di 44 anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook