Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FALSI INCIDENTI D’AUTO, SCOPERTA TRUFFA MILIONARIA

FALSI INCIDENTI D’AUTO, SCOPERTA TRUFFA MILIONARIA

Le fiamme gialle di Messina e Siracusa sequestrano beni per 1,7 milioni di euro a due persone accusate di truffa ed estorsione nei confronti di anziani. Secondo l’accusa provocavano sinistri facendo credere che si era verificata anche la rottura di un orologio di pregio e chiedevano un extra di 4mila euro. L'organizzazione era costituita da rom, con base nella provincia di Siracusa e due persone a capo gestivano i loschi affari.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

FALSI INCIDENTI D’AUTO, SCOPERTA TRUFFA MILIONARIA –

Falsi incidenti d’auto. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di finanza di Messina, coadiuvata dai colleghi di Siracusa. Le fiamme gialle hanno sequestrato beni per oltre 1,7 milioni di euro a due persone accusate di truffa ed estorsione nei confronti di anziani. L’organizzazione era retta dai due era costituita da un gruppo di rom, con base nella provincia di Siracusa, che operava in tutt’Italia. La truffa consisteva nel provocare incidenti stradali facendo credere alle vittime che oltre a danni visibili si era verificata anche la rottura del vetro di un orologio di pregio. Nella seconda fase minacciavano i malcapitati di chiamare i vigili urbani per denunciare la presunta omissione di soccorso, che avrebbe provocato loro il ritiro della patente. Infine, gli organizzatori dell’incidente chiamavano i complici, che si presentavano come dipendenti di una fantomatica compagnia assicuratrice, e consigliavano le vittime con metodi coercitivi a pagare 4 mila euro per il risarcimento del solito “orologio di valore” rotto.gdf_auto3
Con il coordinamento del pm di Messina, Annalisa Arena i finanzieri hanno effettuato le indagini patrimoniali, nei confronti di Antonino Fiaschè, 41 anni, originario di Palermo; Pamela Boscarino, 29 anni, di Siracusa, e dei loro nuclei familiari, che risultavano per il fisco nullatenenti. In realtà erano proprietari di numerosi terreni e fabbricati nei comuni di Melilli e Noto, in provincia di Siracusa, inoltre risultavano proprietari di auto nuove, tra cui un camper superaccessoriato, e disponibilità su conti correnti postali a loro riconducibili.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook