CATANIA: ALLARME OCCUPAZIONE, STM LAVORATORI A RISCHIO

CATANIA: ALLARME OCCUPAZIONE, STM LAVORATORI A RISCHIO

La notizia è oramai ufficiale: la St Microelettronics dichiara un calo produttivo trasversale su svariate tecnologie e dichiara lo stato di crisi. La Fiom Cgil: "si rischia che saltino gli investimenti Modulo 9"

 

CATANIA: ALLARME OCCUPAZIONE, STM LAVORATORI A RISCHIO –

Catania. Dopo un sofferto tavolo di concertazione tra i vertici catanesi del sito produttivo della zona industriale ST Microelettronics e le rsu del sindacato unitario, la notizia è oramai ufficiale: la multinazionale dichiara un calo produttivo trasversale su svariate tecnologie e dichiara lo stato di crisi. Così i vertici dell’azienda in un primo momento hanno chiesto ai lavoratori di andare per dieci giorni in ferie, poi hanno chiesto la cassa integrazione ordinaria. Intanto il segretario generale della Fiom Cgil di Catania, Stefano Materia è intervenuto in merito: “L’azienda avrebbe potuto ridurre e modulare come da proposta sindacale il monte dei giorni di ferie di cui non tutti avevano disponibilità, invece ha preferito ricorrere alla cassa integrazione. Il nostro timore è che dietro questa scelta ci sia un problema industriale molto più grande e che spegnendo le macchine per una crisi momentanea oggi, si finisca per non riaccenderle domani. E far saltare gli investimenti per il Modulo 9”. In Francia l’annuncio della crisi della St nel settore digitale, ha già coinvolto il governo francese che ha reagito prontamente. E’ possibile che i lavoratori catanesi potrebbero subire le conseguenze anche dalle scelte politiche e imprenditoriali d’Oltralpe. Quindi, gli impiegati St in assenza di adeguate risposte da parte del governo italiano, azionista insieme ai francesi del pacchetto di maggioranza, potrebbero subirne le conseguenze e pagare per tutti pagare lo scotto dei licenziamenti nella struttura etnea.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook