Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INCENDI A CATANIA: POTREBBE ESSERCI UNA REGIA CRIMINALE

INCENDI A CATANIA: POTREBBE ESSERCI UNA REGIA CRIMINALE

Le Associazioni e i movimenti della società civile del capoluogo etneo intervengono in riferimento ai roghi che si sono verificati in poco tempo in città: "Troppi incendi nei luoghi dei senzatetto, sembra un disegno assassino e razzista. “Chiediamo che le istituzioni indaghino". Intanto gli amministratori convocano una riunione al palazzo di città.

Print Friendly, PDF & Email

 

INCENDI A CATANIA: POTREBBE ESSERCI UNA REGIA CRIMINALE –

Catania. La società civile del capoluogo etneo si pone degli interrogativi sui due grandi incendi che si sono sviluppati in città negli ultimi giorni. Il primo rogo è avvenuto al campo Rom nel quartiere Zia Lisa, che ha coinvolto centinaia di persone. Come ultimo, l’incendio in viale Africa all’edificio delle Ciminiere in cui si rifugiavano decine di senza dimora. Il vecchio plesso, si trova vicino al palazzo delle Poste, e per spegnere le fiamme ci sono volute diverse squadre dei vigili del fuoco che si sono impegnati per ore per domare le fiamme, paralizzando per tutta la mattinata il traffico nella zona.
Insospettite le associazioni Catania Bene Comune, Rete Antirazzista Catanese, Arcigay Catania, Gapa, Redazione I Cordai, Redazione I Siciliani Giovani, Comitato No Muos-No Sigonella, Lila, Anpi Catania, Comitato Popolare Antico Corso che affidano a un comunicato le dichiarazioni: “Troppi roghi divampati per cause ancora sconosciute e in così poco tempo nei luoghi dove trovano alloggi di fortuna i senza fissa dimora della città di Catania. Ricordiamo anche l’incendio alla Villa Bellini che ha portato alla morte di un clochard. Intanto, ieri sera a palazzo municipale si è svolta una riunione alla quale hanno partecipato il vicesindaco Marco Consoli, l’assessore alla Cultura Orazio Licandro, il capo di gabinetto Massimo Rosso e diversi tecnici comunali che con dichiarazione congiunta hanno affermato: “L’amministrazione comunale esprime il proprio rammarico per il grave fatto di viale Africa, che però non ci scoraggia. Procederemo nel percorso già iniziato per recuperare l’immobile con ancora più forza e decisione”. Il 30 dicembre 2014 con delibera di giunta, l’amministrazione comunale per valorizzare l’immobile, aveva approvato un atto di indirizzo politico per la stipula dell’affidamento in uso all’Accademia di Belle Arti di Catania affinché nell’immobile venisse allocata la nuova sede della stessa, con la creazione di laboratori e la realizzazione di una Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea. Alle associazioni etnee che si interessano del problema sociale questo sono molto più interessate ad altri risvolti, piuttosto che alla destinazione dell’edificio.
“Al di là delle cause degli incendi, chiediamo alle istituzioni cittadine di assumersi le proprie responsabilità in merito a un’accoglienza degna per i migranti e alla cura dei senza fissa dimora di Catania. Questi nefasti accadimenti – intervengono le associazioni: “lascia ipotizzare che possa esistere una regia criminale, assassina e razzista. Per questo facciamo appello alle autorità competenti e alle istituzioni affinché vengano accertate con cura le cause dei roghi. Catania è l’unica grande città d’Italia che non possiede un dormitorio comunale pubblico. Una situazione assurda, gravissima e inaccettabile proprio in un periodo in cui l’aumento della povertà sta costringendo centinaia di persone, catanesi e straniere, a vivere in strada”. E ancora continuano: “La Rete Antirazzista e decine di associazioni e movimenti, da mesi chiedono al sindaco Enzo Bianco e all’assessore ai Servizi sociali, Angelo Villari di approntare luoghi di accoglienza d’emergenza per la notte, sottraendo al degrado e al pericolo centinaia di abitanti della città. Nessuna risposta è ancora arrivata. Esigiamo che dormitori pubblici, anche di emergenza, vengano approntati immediatamente insieme a bagni chimici nei luoghi di stazionamento dei senza fissa dimora. Poi concludono: “Assurdi apparirebbero gli ostacoli addotti dal sindaco Bianco, dovuti alla mancanza di risorse economiche, così come demenziali sarebbero le promesse di fondi derivanti da progetti europei o PON. L’urgenza è palese, non è possibile aspettare un giorno in più. Un’amministrazione che spende 50 mila euro per uno spartitraffico, decine di migliaia di euro in sperimentazioni fallimentari, che consegna premi di produttività di decine di migliaia di euro ai propri dirigenti e che aumenta gli stipendi ai propri consulenti certamente può trovare le risorse per approntare dormitori sicuri per chi è senza casa”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook