Archiviato in | Musica, Spettacolo

TWO FINGERZ PRESENTANO IL LORO NUOVO CD – INTERVISTA

TWO FINGERZ PRESENTANO IL LORO NUOVO CD – INTERVISTA

Two Fingerz hanno scelto la Feltrinelli per presentare il loro nuovo album “La Tecnina Bukowski” (Sony).

 

TWO FINGERZ PRESENTANO IL LORO NUOVO CD – INTERVISTA –

“Ogni volta che guardiamo i nostri appuntamenti musicali e vediamo che c’è la tappa a Catania, il primo pensiero è per la carne di cavallo in via Plebiscito”, queste le prime parole dei Two Fingerz che hanno scelto la Feltrinelli per presentare il loro nuovo album “La Tecnina Bukowski” (Sony).

Sia nel passato che in questo nuovo lavoro, tante sono le collaborazioni con altri artisti. Esiste allora l’amicizia reciproca nel mondo musicale?

“Più che una cosa strana per noi è una cosa normale. In ogni disco abbiamo sempre voluto affiancarci a dei colleghi che hanno condiviso momenti di amicizia e di incontro. In questo album c’è una collaborazione con J Ax, nostro storico amico. C’è Lorenzo Fragola, che voi conoscete bene e che stiamo conoscendo anche noi, c’è Dargen un altro amico storico. Per il rapper le collaborazioni sono quasi normali”.

All’inizio della carriera per il singolo “Fiori nei cannoni”,avete realizzato un video con il linguaggio dei segni, com’è nata questa scelta innovativa?

“C’è piaciuto portare avanti questo progetto perché la musica è messaggio. Abbiamo fatto quel video per far capire che ci sono diversi tipi di linguaggio. Prima non sapevamo che anche per i non udenti ci sono dei concerti. Ascoltano la musica tramite le vibrazioni dei palloncini. Percepiscono le vibrazioni. A noi ci ha spiazzato e ci ha fatto molto piacere”.

Voi siete molto social, ma quanto hanno influito nella musica di oggi?

“E’ la base della musica di oggi. Il social è il mezzo che ti permette di proporre a tutti senza passare dagli intermediari. Da lì nascono tanti talenti ma viene a galla anche tanto altro”.

In questo nuovo album però “Lolita” e “Plastic Man” sono vittime del web.

“Il problema non sono solo gli adolescenti ma anche gli adulti. Si deve capire che il web deve essere usato come un mezzo e non venire schiacciati da lui. È una realtà sempre più forte, ma esiste anche la vera realtà. È giusto contattarsi via web, ma secondo noi è più importante la stretta di mano”.

Adolescenti vi accolgono e vi seguono in tutta Italia. Ma quando scrivete un testo pensate a chi lo ascolterà?

“Certo, ogni brano viene concepito pensando con chi stai parlando. Ti viene in mente l’immaginario dei tuoi fan. È normale”.

Citando un brano del vostro album, avete più paura dell’uomo vero o dell’uomo nero?

“Estremamente dell’uomo vero, è quello che fa molte più robe brutte dell’uomo nero”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook