SEQUESTRO VIADOTTO: PONTE “CINQUE ARCHI” SI SBRICIOLA

SEQUESTRO VIADOTTO: PONTE “CINQUE ARCHI” SI SBRICIOLA

Ancora problemi sull’autostrada che collega Palermo a Catania. Gli inquirenti hanno aperto le indagini a carico di ignoti con la motivazione: attentato alla sicurezza dei trasporti causato dallo stato di alcuni piloni. Il tratto di carreggiata coinvolto ricade nei territori di Caltanissetta, Santa Caterina Villarmosa e Villarosa. La Sicilia necessita di un piano viario importante dopo l’amara costatazione che le strade siciliane si sbriciolano. Riscontrate "Anomalie e criticità" nel crollo del ponte “Scorciavacche”. Giancarlo Cancellieri deputato regionale del Movimento cinque stelle, sulla vicenda del sequestro del viadotto "cinque archi", ha presentato un esposto alla procura di Caltanissetta.

 

SEQUESTRO VIADOTTO: PONTE “CINQUE ARCHI” SI SBRICIOLA –

Sequestro viadotto. Continuano i problemi di percorribilità nell’autostrada A19 Catania-Palermo. Gli utenti che s’incamminano verso Palermo o viceversa prima di arrivare alla meta devono attraversare percorsi tormentati con ostacoli non indifferenti contornati da assurdi rallentamenti al traffico, blocchi e deviazioni. Una situazione resa più difficile oggi dal sequestro effettuato dai carabinieri del tratto del viadotto “Cinque archi” sull’arteria Palermo-Catania. L’importante collegamento viario è stato interrotto a qualche chilometro di distanza, dopo il cedimento del viadotto “Himera” che ha diviso in due la Sicilia. I magistrati hanno aperto un’indagine a carico di ignoti per attentato alla sicurezza dei trasporti. Gli accertamenti sono stati ordinati in seguito alla situazione di pericolo per la circolazione causato dallo stato di alcuni piloni del viadotto, già chiuso il 7 maggio, che si trova nei territori dei comuni di Caltanissetta, Santa Caterina Villarmosa (Cl) e Villarosa (En). Intanto l’autostrada risulta percorribile in doppio senso di marcia sull’altra corsia. Intanto i responsabili Anas spiegano che: “Alcuni plinti di fondazione della carreggiata in direzione Palermo del viadotto sono stati parzialmente scalzati a causa dell’abbassamento del livello dell’alveo dovuto all’azione erosiva del fiume Salso. Tale fenomeno non ha alcuna influenza sulla sicurezza statica della struttura, in quanto le fondazioni dell’opera sono realizzate su pali profondi”. La Procura della Repubblica di Caltanissetta ha emesso un provvedimento per la ricerca di documenti, progetti costruttivi, comunicazioni, provvedimenti di manutenzione relativi al viadotto. Immediatamente sono state eseguite perquisizioni nell’ufficio grande viabilità dell’Anas e nelle sedi della direzione regionale dell’Anas a Palermo ed Enna. La nota dell’Anas prosegue: “Abbiamo piena fiducia nella magistratura per la rapida conclusione delle indagini. Il progetto per gli interventi di sistemazione dell’alveo finanziato con gli stanziamenti del decreto Sblocca Italia, è già pronto. Per l’appalto e l’avvio dei lavori si è in attesa delle autorizzazioni degli enti competenti”. Nei giorni scorsi l’associazione nazionale costruttori edili aveva protestato e in merito sempre il comunicato Anas dice: “Lo stato di degrado strutturale attesta come le strutture in cemento armato e le condizioni salmastre dell’area non possono essere ignorate”.
Intanto, in merito al viadotto “Scorciavacche” sono state riscontrate criticità e anomalie, sia nella fase di progettazione che nella realizzazione dell’opera, compreso un collaudatore senza i requisiti e un certificato di agibilità senza certezza dell’avvenuto collaudo sono emerse dall’attività ispettiva effettuata dall’Autorità Anticorruzione (Anac) sul crollo cedimento avvenuto sul viadotto Scorciavacche, avvenuto tra il 4 e il 5 gennaio. Alcuni profili potrebbero avere risvolti penali e di danno erariale. Secondo quanto si apprende, la relazione sulle verifiche effettuate dall’Autorità Anticorruzione sul cedimento del viadotto “Scorciavacche” sarà trasmessa per competenza alla Procura della Repubblica di Termini Imerese, che ha avviato l’inchiesta sulla vicenda, e contemporaneamente alla Corte dei conti. Inoltre sarà oggetto di una specifica contestazione ai vertici di Anas. Le reazioni sono innumerevoli volte alla risoluzione dei problemi il più presto possibile e la riattivazione dell’importante arteria che collega la Sicilia orientale con la occidentale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook