Archiviato in | Musica, Spettacolo

ENNA: TOSCA RACCONTA LE SUE ESPERIENZE PROFESSIONALI – INTERVISTA

ENNA: TOSCA RACCONTA LE SUE ESPERIENZE PROFESSIONALI – INTERVISTA

Vissi d’arte, vissi di musica: tanti applausi e consenso di pubblico per il concerto di Tosca al Teatro Garibaldi di Enna. E’ stato un mix di sonorità che hanno completamente estasiato il pubblico ennese che l’ha acclamata con grande entusiasmo. Al termine del concerto Tosca ha rilasciato per ‘informaSicilia’ una interessante intervista durante la quale ha parlato di sé e della sua carriera artistica.

Print Friendly, PDF & Email

 

ENNA: TOSCA RACCONTA LE SUE ESPERIENZE PROFESSIONALI – INTERVISTA –

lo spettacolo di Tosca che si è tenuto ieri sera al teatro Garibaldi di Enna ha registrato un grande consenso di pubblico. L’artista romana ha infatti portato in scena testi e musica del suo ultimo lavoro dal titolo “Il suono della voce” pubblicato lo scorso trenta settembre. Due ore di puro spettacolo, un recital “popolare” ma allo stesso tempo molto originale e ricercato, una scenografia semplice a cui fa da contraltare la versatilità dell’artista nel variare ripetutamente i toni. Da segnalare i registri stilistici e le lingue in cui interpreta i suoi testi. Il risultato è stato un mix di sonorità che hanno completamente estasiato il pubblico ennese che l’ha acclamata con grande entusiasmo. Al termine del concerto Tosca ha rilasciato per ‘informaSicilia’ una interessante intervista durante la quale ha parlato di sé e della sua vita artistica:

Ti sei esibita sui più importanti palcoscenici teatrali da Sanremo fino ad approdare al musical e poi ancora alla musica sacra, cosa rappresenta per te la musica?

La musica rappresenta per me la vita non avrei saputo fare altro, credo che ognuno di noi nasca con una mappa genetica e credo che nel mio Dna c’è la musica. Mi definisco un’artigiana di questo mestiere, ho iniziato come attrice in una compagnia romana ma guadagnavo pochissimo quindi ho deciso successivamente di cantare in un locale romano dove ho conosciuto Renzo Arbore e Stefano Palatresi. Sono stata dapprima cantante e poi attrice ma in realtà nasco come attrice e tutt’oggi artisticamente parlando diciamo che mi lascio un pò andare a quello che il destino decide per me.

Lo scorso trenta settembre è uscito il tuo ultimo album “Il Suono della voce” da cosa nasce e come nasce questo tuo progetto artistico?

Nasce da una mia necessità ovvero la necessità di raccontare lo stato dell’arte come si fa nella musica lirica , di solito i cantanti lirici decidono di fotografare 10 anni della loro carriera con tutte le arie più belle delle opere che hanno fatto. Io ho fatto tantissimi spettacoli legati alla tradizione ed agli studi sulla musica yddish e sulla musica portoghese e volevo fermare come in una fotografia questo mio periodo, tuttavia non riuscivo a trovare il bandolo della matassa perché le cose sono abbastanza diverse l’una dall’altra ,allora ne parlai due anni fa con Ivano Fossati raccontandogli di questo mio progetto e del fatto che non riuscivo a centrarlo e chiesi a lui di scrivermi qualcosa e lui mi rispose regalandomi questa canzone che si intitola il “Suono della voce” che in se racchiude proprio questo bandolo ovvero raccontare questa strada dell’arte attraverso il suono della voce e quindi varie etnie e varie lingue. Questo è stato un pò il segreto di questo disco.

Torniamo al palcoscenico, un palcoscenico che hai vissuto a due dimensioni come attrice e come cantante , qual è stato il tuo più grande trionfo?

Ci sono stati tanti di trionfi, ma il trionfo più grande è riuscire a fare ancora questo mestiere con lo stesso entusiasmo di quando ho iniziato questo è il vero trionfo perché, con i tempi che corrono ,con questo abbrutimento culturale diventa sempre più difficile arrivare alle persone. Spesso alcuni non vengono a vedere i miei concerti perché pensano di non essere in grado di comprenderli, io credo invece che il mio è uno spettacolo assolutamente popolare che pur raccontando qualcosa di più ricercato sia tuttavia comprensibile a tutti.

Quali sono state, se ci sono state, le figure che hanno maggiormente influenzato il tuo percorso di formazione artistica?

Sicuramente Gabriella Ferri, sono figlia di due artisti, i miei genitori mi portavano spesso ai suoi spettacoli, avevano compreso questa mia grande inclinazione verso l’arte. Una sera andai a vedere lo spettacolo di questa grande icona della musica italiana e rimasi folgorata , credo siano quei momenti in cui una persona decide che il suo mestiere sarà quello ed io lo ricordo come se fosse ora. Poi c’è stata anche Mia Martini, la più grande interprete in assoluto, e poi t Renzo Arbore , Arbore è stato fondamentale per la mia formazione artistica perché mi ha insegnato la curiosità il non crearsi limiti cercando “giocare” con questo mestiere, ed è vero questo mestiere vale la pena di farlo solo se si “gioca” perché nel caso in cui diventa scienza infusa non non ne vale più la pena.

Quali sono i tuoi progetti artistici per il 2015?

Al momento ho in mente di portare il “Suono della voce” in diversi teatri almeno per un paio di anni, ma ho anche un progetto con la mia compagnia teatrale e con Massimo Venturiello , ovvero portare in scena “Il Grande dittatore di Chaplin” di cui di recente abbiamo acquistato i diritti. Quindi da marzo partiremo in tournee anche con questo spettacolo.

Eliana D’Alessandro

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook