Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: AMBULANTI AGGREDISCONO VIGILI

CATANIA: AMBULANTI AGGREDISCONO VIGILI

Durante un blitz anti-abusivi in varie zone della città, degli agenti di polizia municipale hanno sequestrato merce contraffatta ad otto stranieri presumibilmente nord africani. Dopo la confisca, le otto persone tornate alla carica hanno cercato di reimpossessarsi della merce aggredendo gli agenti, ma sono stati allontanati da due ispettori di p.m. che hanno reagito. L’aggressione è avvenuta nel centralissimo Corso Sicilia. Non ci sono feriti. Sindaco, Vicesindaco e assessore alla Polizia municipale si sono complimentati con i due ispettori e con il comandante dei Vigili.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: AMBULANTI AGGREDISCONO VIGILI –

Catania. Durante un blitz anti-abusivi in varie zone della città, gli agenti di polizia municipale avevano sequestrato merce contraffatta ad otto stranieri presumibilmente nord africani. Subito dopo, le persone sono tornate alla carica cercando di recuperare ciò che gli era stato confiscato, i due ispettori di p.m. hanno reagito e sono riusciti a respingerli senza subire ferite. Gli otto si sono poi dati alla fuga. La triste vicenda è accaduta al termine di un’operazione, condotta nella zona di corso Sicilia dal Reparto Annona e coordinata dal vice comandante del Corpo, col. Stefano Sorbino. Gli agenti aveva appena sequestrato 61 paia di scarpe con marchi contraffatti (Adidas, Nike, Liu Jo). Mentre due ispettori di una pattuglia erano intenti a caricando sull’auto di servizio la merce, sono stati presi di mira dagli extracomunitari intenzionati a riprendersi le scarpe, si sono avvicinati minacciosi cercando di colpirli. Però idue ispettori hanno resistito e costretto alla fuga gli aggressori cavandosela con qualche contusione e graffi. Intanto la merce sequestrata è stata portata in deposito.
Il primo cittadino Enzo Bianco e il vicesindaco e assessore alla Polizia municipale Marco Consoli si sono complimentati con i due ispettori e con il comandante dei Vigili, Pietro Belfiore. Il vicesindaco è intervenuto dicendo che: “a Catania queste aggressioni sono diventate la regola, ma non ci fermeranno. Chi viene dall’estero deve rispettare le regole, il Comune combatte duramente chi vende merce contraffatta. Interveniamo continuamente: gli abusivi vedono le nostre pattuglie e scappano, altre volte ci sfidano. In questi due anni di amministrazione abbiamo sequestrato tonnellate di merce, con tutte le forze dell’ordine in sinergia cerchiamo i depositi e colpiamo. Ma teniamo presente che per turno di lavoro ci sono 50 unità di vigili durante la giornata a fronte di 600 mila presenze. Non è facile”.
Nella stessa giornata, in varie zone della città etnea, la polizia municipale ha condotto anche altre operazioni di repressione dell’abusivismo commerciale. In via Puccini e piazza Grenoble è stata sequestrata diversa merce con marchi contraffatti: 44 paia di scarpe (Adidas, Nike, Liu Jo, Hogan, Harmont & Blaine), 16 paia di pantaloni (Gucci, Burberry, Dsquares, Louis Vuitton e Jeckerson), quattro maglioni (Burberry, Harmont & Blaine e Polo by Ralph Lauren). Nella zona di via Vincenzo Giuffrida sono stati invece sequestrati a venditori ambulanti senza licenza 22 cassette di frutta e verdura e 34 vasi di piante e fiori.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook