Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PROCESSO DENISE: LA MAGGIO, ‘INTERCETTAZIONE GRAVISSIMA’

PROCESSO DENISE: LA MAGGIO, ‘INTERCETTAZIONE GRAVISSIMA’

"Si conferma il coinvolgimento di Jessica Pulizzi e della sua famiglia, vado avanti fino alla fine", scrive Piera Maggio la mamma di Denise Pipitone, sulla conversazione captata e venuta fuori nel processo d'appello: "E' un'intercettazione gravissima ma io vado avanti”

Print Friendly, PDF & Email

 

PROCESSO DENISE: LA MAGGIO, ‘INTERCETTAZIONE GRAVISSIMA’ –

Mazzara del Vallo. Venerdì scorso, nel corso del dibattimento che vede imputata Jessica Pulizzi per concorso in sequestro di minorenne, davanti la terza sezione della Corte d’appello di Palermo, il perito Massimo Mendolìa ha rivelato il testo di una intercettazione inedita dell’11 ottobre 2004. Nella conversazione sono impegnate in conversazione le sorelle Pulizzi e durante la quale si sente Jessica che dice alla sorella minore Alice: “Eramu n’casa, a mamma l’ha uccisa a Denise”. La mamma sarebbe Anna Corona. Anche lei era indagata per concorso in sequestro di minorenne, la cui posizione è stata, poi, archiviata su richiesta della Procura di Marsala. La scorsa settimana, la stessa Procura sulla base di questa nuova intercettazione ambientale, ha avviato un’indagine contro ignoti per omicidio.

Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, ha commentato nel suo blog l’intercettazione venuta fuori a sorpresa nel processo d’appello per la scomparsa della figlia:”con dolore ho appreso e prendo atto di questa nuova intercettazione che è di una gravità non indifferente. Allo stato attuale questo confermerebbe ulteriormente il coinvolgimento di Jessica Pulizzi e della sua famiglia”. La maggio continua: “sono consapevole che ai fini processuali questa frase potrà avere uno svolgimento diverso da quello attuale precludendo forse anche la ricerca di Denise, questo mi fa male – e poi aggiunge – la mia speranza continua nella ricerca della verità, nella ricerca di mia figlia, in ogni modo e in ogni senso. Facciano in modo di farli parlare e dicano dove si trova Denise, dove l’hanno portata”. Poi cunclude: “Non ci fermeremo mai, vogliamo giustizia e verità su tutto questo calvario doloroso, voluto da persone cattive e prive di senso umano. Fino alla fine continuo e vado avanti sempre”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook