Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: SFIDUCIA, CROCETTA AVANTI CON LA GIUNTA TER

ARS: SFIDUCIA, CROCETTA AVANTI CON LA GIUNTA TER

Dopo un lungo e combattuto dibattito la mozione di sfiducia è stata respinta: 44 no contro 37 sì (9 assenti) Seduta fiume durata più di otto ore. Mpa sempre più vicino al governo. Al termine, Cancelleri 5stelle, porta in aula il Bostik a significare l’attaccamento agli scranni da parte di una buona parte di parlamentari. Mentre il presidente Crocetta accusa i grillini di razzismo omofobia e comportamento filomafioso. Mentre Musumeci e Malafarina si alterano dopo una botta e rsposta, il cavaliere telefona ai suoi di Forza Italia.

Print Friendly, PDF & Email

 

ARS: SFIDUCIA, CROCETTA AVANTI CON LA GIUNTA TER –

Ars. Alla fine il presidente Crocetta ce l’ha fatta. Infatti, la sfiducia non è passata con 44 no contro i 37 sì di M5s e centrodestra che avevano presentato il documento unificato in aula con 40 firme. Nove gli assenti. Qualche tumulto all’Ars durante la seduta, dopo che il capogruppo M5s, Valentina Zafarana mentre stava illustrando la mozione di sfiducia, ha detto: “qualche deputato voterà mettendo contemporaneamente mano al portafogli”. Improvvisamente è sorto un alterco tra alcuni consiglieri e il presidente Crocetta che ha minacciato di lasciare sala d’Ercole, la discussione in aula è stata sospesa per alcuni minuti, poi ristabilita la calma, il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha richiamato all’ordine e la seduta parlamentare è ripresa, e Crocetta ha ripreso il suo posto tra i banchi del governo. Mentre i capigruppo di Forza Italia, Marco Falcone, e 5stelle, Valentina Zafarana, erano in procinto di illustrare ai colleghi parlamentari le due mozioni di sfiducia nei confronti del governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, presente tra i banchi del governo. Dopo l’intervento del presidente Crocetta, sono intervenuti gli altri deputati iscritti a parlare. Dopo l’intervento del capogruppo 5 stelle, che illustrava la mozione di sfiducia e a supporto dell’atto presentava anche le schede con 25 mila firme raccolte nella vicina piazza a Palermo, il presidente Crocetta arrabbiato ha replicato: “Il Movimento 5stelle è sempre più razzista, omofobo e persino filomafioso. Siete intolleranti e prevaricanti, sapete solo organizzare dissenso sistematico nelle piazze per delegittimarmi”.

Da segnalare il duro lo scambio di battute in aula tra il deputato Antonio Malafarina e il presidente dell’Antimafia, Nello Musumeci. L’alterco si è fatto duro quando Malafarina, ha rimproverato Musumeci di non avere tolto la firma dalla mozione di sfiducia dei 5stelle dopo che Grillo aveva parlato, allo sfiducia day, di una “mafia che aveva una morale”. Musumeci, dal canto suo, ha urlato a Malafarina di “non speculare sulla mafia”, ma il deputato del Megafono ha ricordato il suo impegno antimafia da ex questore. A quel punto, Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, è stato costretto a sospendere per alcuni minuti la seduta. Intanto, L’ex cavaliere, che era in compagnia del coordinatore regionale degli azzurri Enzo Gibiino, ha parlato al telefono con alcuni dei deputati mentre era in corso l’intervento in aula del capogruppo di Fi, Marco Falcone. il Mpa si è smarcato da Forza Italia cambiando gli equilibri in aula. Le ultime flebili speranze di chi ha proposto e sosteneva la sfiducia a Crocetta si si sono spente dopo le parole del capogruppo di Articolo 4, Luca Sammartino, l’animatore della fronda dei cinque che nel partito di Leanza non riconoscevano i risultati del rimpasto del Crocetta ter. “Noi voteremo contro la mozione di sfiducia” così si è espresso Sammartino. Al termine, dopo il risultato raggiunto, il presidente Crocetta si riappacifica con il Pd e incassa la fiducia del suo partito: “Sono orgoglioso di militare in partito pluralista, dove si litiga e alla fine si riesce a trovare una sintesi. Oggi abbiamo fatto un capolavoro politico, governeremo per altri tre anni e siamo pronti a nuove sfide”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook