Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: POLIZIA SVENTA DUE OMICIDI, 7 FERMI

CATANIA: POLIZIA SVENTA DUE OMICIDI, 7 FERMI

Sono sette i fermati e appartengono tutti alla cosca Toscano-Mazzaglia-Tomasello di Biancavilla(Ct). Gli agenti della squadra mobile della questura e del commissariato della polizia di Stato di Adrano e da militari del nucleo investigativo dei carabinieri - comando provinciale etneo con un blitz denominato ‘operazione garden’ sventano due esecuzioni mafiose e sequestrano un arsenale bellico costituito da kalashnikov, fucili mitragliatori e un ingente quantitativo di munizioni.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: POLIZIA SVENTA DUE OMICIDI, 7 ARRESTI –

Catania. Nelle prime ore dell’alba è stato eseguito da agenti della squadra mobile della questura e del commissariato della polizia di Stato di Adrano e da militari del nucleo investigativo del comando provinciale etneo un blitz denomianto ‘operazione garden’. nell’ambito di un’inchiesta della Dda della Procura distrettuale di Catania sulla cosca Toscano-Mazzaglia-Tomasello di Biancavilla sono state fermate sette persone con l’accusa di associazione mafiosa, detenzione di armi ed estorsione. Le indagini hanno consentito di sventare due omicidi, uno dei quali nella fase immediatamente precedente all’esecuzione. Durante l’operazione è stato sequestrato un arsenale bellico, tra cui kalashnikov e fucili mitragliatori. Le indagini sono iniziate dall’uccisione di Alfredo Maglia, 41 anni, assassinato ad Adrano il 28 ottobre 2013, ritenuto il reggente della cosca locale alleata della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. I motivi della faida sarebbero maturati negli ambienti criminali di Biancavilla per il controllo degli affari illeciti che hanno portato all’uccisione di Agatino Bivona, di 64 anni, e Nicola Gioco, di 45, il 13 e il 15 gennaio 2014. In questo scenario criminale sarebbero state ordinate le uccisioni di Giuseppe Mazzaglia, allora reggente del clan, avvenuta il 19 aprile 2010, e del suo presunto luogotenente, Roberto Ciadamidaro, il 23 dicembre 2012.

Dalle indagini della squadra mobile è emerso che sarebbero aumentati gli omicidi. Infatti nella scorsa primavera due degli indagati avevano progettato l’eliminazione di un esponente della cosca in una città del Nord Italia. In quel periodo la Dda della Procura di Catania aveva avviato delle indagini effettuate da carabinieri e polizia su presunti sicari e vittima, che consentì di impedire il delitto. Da intercettazioni del gruppo mafioso ne è emersa una che mirava a mantenere il controllo del territorio anche se si doveva uccidere l’esponente di un clan rivale. L’omicidio era progettato per il 6 ottobre scorso. Per scongiurare un altro omicidio la polizia ha eseguito delle perquisizioni domiciliari che hanno prodotto gli arresti di tre uomini: Alfio e Vincenzo Cardillo, di 71 e 38 anni, e Gaetano Musumeci di 37, perché trovati in possesso di un nutrito arsenale di fuoco che comprendeva mitragliatori Kalashnikov e Skorpion. Altre armi sono state sequestrate nei giorni scorsi. Il Cardillo era stato scarcerato da poco e, secondo gli investigatori, aveva acquisito il controllo del gruppo mafioso, indebolendo la ‘famiglia’, tanto che Roberto Maglia, per sicurezza, aveva deciso di trasferirsi per qualche tempo in Germania. In merito a questa vicenda la Procura ha disposto i fermi. Sei dei quali sono stati eseguiti. Un settimo indagato si troverebbe all’estero. Le investigazioni hanno accertato un’estorsione ai danni del titolare di un chiosco di bibite e una tentata estorsione in pregiudizio, del responsabile di una ditta del settore agricolo. Infatti, il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Catania ha disposto il fermo di Placido Toscano.

I fermati sono:

Roberto Maglia, 27 anni e Giuseppe Maglia, di 35; Riccardo Salvatore Cantone, 25 anni, Giuseppe Maglia, di 31, Placido Toscano, 65 anni e Davide Santangelo, di 24. Il settimo indagato si troverebbe all’estero. Durante il blitz in una casa rurale che usava Cantone sono stati trovati e sequestrati due fucili caricati a pallettoni, uno dei quali armato a ‘lupara’, con canna e calcio mozzati, e un ingente quantitativo di munizioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook