Archiviato in | Cronaca, Spettacolo

CATANIA: A TU PER TU CON LUCA ZINGARETTI

CATANIA: A TU PER TU CON LUCA ZINGARETTI

Zingaretti, conosciuto dal grande pubblico per il commissario Montalbano, ha incontrato la stampa e gli universitari presso i Benedettini di Catania. A Catania, però, si è presentao un Luca Zingaretti lontano da quello “televisivo”. Molto scontroso e infastidito dalla realtà che lo circondava. Una realtà, che giustamente, voleva sapere delle sorti di Montalbano.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: A TU PER TU CON LUCA ZINGARETTI –

Edoardo De Angelis ha scelto la città di Catania per presentare il suo ultimo film “Perez.”. Il lungometraggio, che uscirà nelle sale il 2 ottobre, vede Luca Zingaretti nel ruolo del protagonista. “Perez.” è stato presentato in esclusiva all’interno del Trailers Film Fest di Catania che quest’anno è giunto alla sua dodicesima edizione. Zingaretti, conosciuto dal grande pubblico per il commissario Montalbano, ha incontrato la stampa e gli universitari presso i Benedettini di Catania. A Catania, però, si è presentao un Luca Zingaretti lontano da quello “televisivo”. Molto scontroso e infastidito dalla realtà che lo circondava. Una realtà, che giustamente, voleva sapere delle sorti di Montalbano. In questi giorni, infatti, c’è un “botta e risposta” sul futuro del commissario più amato del piccolo schermo. Non si sa se la produzione resterà in Sicilia o andrà in Puglia. “Non voglio parlare di Montalbano – ha spiegato Zingaretti – perché sono qui per presentare il mio nuovo film”. Forse – secondo molti – sarebbe stato più opportuno rispondere con sincerità alla prima domanda sul commissario Montalbano, in modo da non sentir dire “non le voglio chiedere di Montalbano, però facciamo un giro largo e vediamo se ci arriviamo”. Luca Zingaretti, infastidito, ha risposto anche alle nostre domande.

Cosa le ha lasciato dentro l’interpretazione di Perez.?

“Da spettatore sono sempre stato affascinato da quei personaggi che pur cadendo riuscivano sempre a rimettersi in piedi. Sono sempre state storie che mi hanno commosso.  In questo caso quest’uomo deve rifare i conti con tutto quello che aveva lasciato aperto”.

Nel film la sua vita cambia a causa della camorra. Come si spiega il successo televisivo di fiction che trattano questi temi. A seguirli sempre di più un pubblico giovanile.

“Io non direi questo, ma il contrario. Le uniche cose che si fanno in televisione sono queste e la gente è obbligata a vederle. Non è vero quello che dici. Se guardi tutte le grande produzioni americane non parlano per niente di malavita”.

Perché allora fiction come “Il capo dei Capi” o “Squadra Antimafia” hanno un così notevole seguito?

“E’ tu dove vivi? Perché lo chiedi a me, non lo sai? Fai il giornalista? Secondo me non è così. Dove stai? Sveglia! La guerra è finita”.

Lei è stato protagonista al cinema, in televisione e al teatro. Qual è l’ambiente che preferisce?

“Per un attore il vero lusso è quello di poter cambiare personaggio, di poter cambiare genere, di poter cambiare ruolo. Io nasco come attore teatrale, poi al cinema e alla televisione. Sono generi diversi che se si riescono ad alternare danno un grande godimento personale ed una grande soddisfazione”.

In quanto tempo nasce un personaggio. Quanto lo studia?

“Dipende, più tempo c’è e meglio è. Per questioni economiche i film devo partire subito. Ci vogliono, però 2 o 3 mesi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook