Archiviato in | Musica, Spettacolo

ACIREALE (CT): CESARE CREMONINI AL PALASPORT

ACIREALE (CT): CESARE CREMONINI AL PALASPORT

Il “Logico Tour 2014” arriverà il prossimo 16 novembre al Palasport di Acireale.

Print Friendly, PDF & Email

ACIREALE (CT): CESARE CREMONINI AL PALASPORT –

Acireale. È già partito il conto alla rovescia per l’atteso tour di Cesare Cremonini. Il “Logico Tour 2014” arriverà il prossimo 16 novembre al Palasport di Acireale. Dopo i primi due live al Forum di Milano (una data già sold out), il tour proseguirà per tutta l’Italia facendo tappa nei più importanti palasport italiani (prevendite aperte su www.ticketone.it e tutti i circuiti autorizzati). Il cantautore bolognese, classe 1980,  fin da piccolo inizia a studiare pianoforte. A soli 11 anni riceve in regalo il primo disco dei Queen, gruppo per il quale tutta la vita sarà grande fan e che lo porta ad abbandonare lentamente la passione per la musica classica per dedicarsi totalmente al mondo del pop/rock. La sua particolare attitudine per la scrittura si manifesta invece verso i 14 anni, annotando brevi racconti, poesie e canzoni su un quaderno. Il grande pubblico conosce Cremonini nel 1999 quando fonda “I Lunapop” e inizia a lavorare insieme al produttore Walter Mameli. Con il brano “Qualcosa di grande”, scritto da Cesare tra i banchi di scuola, vince la decima edizione del Festival di San Marino. Lo stesso anno esce in radio “50 Special”, brano che rappresenta a pieno il successo del gruppo. In poche settimane comincia la lunga ed apprezzata carriera dei Lunapop. Arriva il singolo “Un giorno migliore”, che si è aggiudicato il disco d’oro con oltre 25mila copie vendute. Con l’album “Squerez”, i “Lunapop” diventano ufficialmente un fenomeno.

Dal 1999 al 2001 la band pubblica quattro singoli di grandissimo successo: oltre a “50 Special”, “Un giorno migliore”, “Qualcosa di grande” e “Resta con me”, diventando il più grosso fenomeno generazionale della musica italiana di fine/inizio secolo. Il definitivo successo viene celebrato con una diretta televisiva della Rai di un concerto tenutosi a Roma.

Nel 2002 Cesare Cremonini pubblica il suo primo album da solista, Bagùs, che significa “tutto ciò che è positivo, gradevole, piacevole e bello”. Dall’album vengono estratti altri brani che hanno segnato la musica italiana come “Gli uomini e le donne sono uguali”, “Vieni a vedere perché”, “PadreMadre” e “Latin Lover”. L’album vince ben 4 dischi d’oro. Nel 2005 arriva il secondo album da solista “Maggese” con al suo interno brani come “Marmellata#25” e “Le tue parole fanno male”. Dopo diverse apparizione cinematografiche, un album live e diversi articoli nei quotidiani nazionali arriva il singolo “Dicono di me” che anticipa l’uscita del quarto album da solista intitolato “Il primo bacio sulla luna”, tracce scritte e arrangiate interamente da Cesare con l’aiuto di Ballo. A 10 anni dall’uscita di “50 Special” arriva il primo libro di Cesare intitolato “Le ali sotto ai piedi”. Nel libro Cesare narra la sua storia, in un’atmosfera che racchiude tutto l’incanto di una fiaba in cui il protagonista, superando le difficoltà della vita di tutti i giorni, riesce a realizzare i propri sogni. Dopo un “Greatest Hits”, Cremonini scrive una delle canzoni più amate dal suo pubblico. Nel 2012 esce “Il comico (sai che risate)”. Brano che anticipa l’album “La Teoria dei colori”. Il Comico (sai che risate) risulta il brano più trasmesso dalle radio italiane per ben 10 settimane consecutive, superando l’incredibile successo ottenuto con “Mondo” . Il 27 marzo 2014, giorno del 34esimo compleanno di Cremonini, esce “Logico #1”, primo singolo dell’album “Logico”. Il brano diventa colonna sonora dell’Algida per uno spot estivo. Il giorno della presentazione dell’album viene annunciato il “Logico Tour”.  Ecco la spiegazione dei brani di “Logico” da parte di Cesare Cremonini:

 

LOGICO #1

“Logico” è una parola che ha sempre rappresentato molto per me. Mia madre mi racconta che è una delle prime che ho balbettato quando ero piccolo, e a dire il vero credo di averla sentita pronunciare per la prima volta da mio padre medico durante le visite alle quali ogni tanto mi era permesso assistere. L’ho scritta al pianoforte ma poco dopo avevo già registrato un provino, praticamente identico alla versione finale che si può sentire ora: stessi suoni e stesse parole. E’ la riflessione di un uomo che si apre alla disperata ricerca di un complice in questa vita sempre più complessa, disordinata e incomprensibile. Una vita che assomiglia più a una condanna, se non la si vuole affrontare in solitudine. Ma il testo insiste sull’importanza della scoperta di un “proprio simile”, qualcuno con cui specchiarsi nel bene e nel male, piuttosto che sull’utopia ormai irreale della scoperta di una vera e propria “anima gemella”. La perfezione può esistere se siamo noi gli imperfetti? La felicità oggi è pura sopravvivenza.

 

GREY GOOSE

“Ti giuro non sono ubriaco, se guido non bevo, domani lavoro…”. Quante promesse siamo capaci di fare a una donna dopo un bicchiere di vodka! Sono innamorato di questa canzone perché ha un sound nuovo per me, ed è il frutto di una ricerca ossessiva sia sul testo che sulla musica con l’intento di farmi burla del concetto di “canzone d’amore”. E’ la mia “50 Special” dell’età adulta. Cercavo un linguaggio vero, comprensibile, attuale, ma non per questo rinunciando a strappare un sorriso sia negli ascoltatori che nelle ascoltatrici che la sentiranno. A volte una bugia detta con stile può essere preferita a una noiosa verità!

 

IO E ANNA

Musica minimale ma testo ricco di sfumature per una canzone che parla in soggettiva di un uomo al confine tra la fine e l’inizio di una lunga storia d’amore con una lei di nome Anna. Conoscersi da troppo giovani, vivere e crescere per una vita intera insieme e poi trovarsi di fronte alla grande scelta: cosa fare di noi? Difficile abbandonare qualcuno che è nato con te e che ora ti chiede di scoprire cosa si è perso della sua vita e del mondo intorno. Ma ancora più difficile continuare a vivere chiusi nel rifugio opprimente della coppia. “Io e Anna” semplicemente mette il microfono in faccia a chi si trova di fronte a questo bivio.

 

JOHN WAYNE

Realtà e fiction. Ho avuto la fortuna di lavorare con un regista di grande esperienza come Pupi Avati che mi ha insegnato quanto sia importante essere realisti mentre si immagina. Questa canzone l’ho pensata durante le riprese del film “Il cuore grande delle ragazze”, quando ho avuto la possibilità di osservare da molto vicino lo strano rapporto che lega i registi con gli attori. Il testo è lo sfogo disperato di un uomo che tenta di convincere anche s? stesso delle proprie straordinarie doti. E’ la supplica rivolta a un regista perché gli venga assegnata una parte, una qualunque parte di un qualunque film. Ovviamente è soltanto il frutto della mia fantasia, ma credo esista una tipologia precisa di essere umano, un vero e proprio stereotipo molto diffuso al giorno d’oggi, pronto a qualsiasi cosa pur di farsi notare. Dimenticando completamente quale sia il proprio ruolo nel mondo reale.

 

FARE E DIFARE

Ho sempre amato le canzoni “da finestrino”, sono le perfette compagne di viaggio, ma questo è un brano da…”Cabriolet!”.

E’ una richiesta cantata di spazio e di tempo, alla ricerca della solitudine, del silenzio, della pace, da parte di un uomo troppo solitario per vivere a proprio agio nel traffico di sentimenti ed emozioni che invade le strade della sua vita. E’ una canzone da ascoltare su una lunga autostrada che porta lontano, il cui orizzonte non può essere un altro se non quello di una località di mare che si avvicina. Dietro di noi persino l’amore, che “non deve chiederci scusa”, ma che ormai “non ha nulla da dirci quando il vino è finito”. E’ la colonna sonora di una grande fuga da tutto. A volte solo una canzone e i suoi accordi possono realmente chiudere in uno spazio così piccolo un desiderio così grande!

 

VENT’ANNI PER SEMPRE

Che meraviglia poter guardare il mondo lontano dalla confusione dei vent’anni! Ma che disperazione doverlo scoprire in prima persona!

I miei “vent’anni” restano lì a guardarmi mentre io mi allontano inesorabilmente da loro, sfiorando i trenta per poi superarli senza mai avere avuto il tempo di voltarmi indietro fino a quando, fermo al semaforo di un sabato sera qualunque non si accostano due ragazzini tanto più giovani di me da fare invidia. E li vedo proprio così: colorati, spensierati come lo ero anche io, ma ingenui al punto da riuscire a confondermi. Non capirò mai davvero quale sia stato il mio momento migliore. Se allora o adesso. O se ancora deve arrivare…

 

SE C’ERA UNA VOLTA L’AMORE (HO DOVUTO AMMAZZARLO)

Canzone che parla della separazione dei genitori. E anche di una generazione, la mia, che sarà responsabile di una società colma di figli con padre e madre divorziati. A cantare è proprio uno di loro. Un figlio senza famiglia. E’ una canzone molto personale, molto intima, in cui mi scopro molto. Ma credo nelle canzoni in cui ci si libera di qualcosa. Eccone un esempio.

 

QUANDO SARO’ MILIONARIO

Sembrerà strano ma parla di mio padre. E’ lui che si definisce nelle lunghe telefonate che facciamo di notte un “barbone ricco”. La parola “milionario” ovviamente non si riferisce all’idea materiale di una vita agiata, ma piuttosto all’essere ricchi di conoscenza. Mio padre è un grande studioso. Un vero campione mondiale di proverbi e citazioni. Ha passato tutta la vita a studiare medicina, la sua professione, e mi ha trasmesso in modo molto forte l’arte dell’imparare. Ogni album che ho fatto ha avuto la sua canzone ispirata da questa figura straordinaria che mi ha accompagnato fin dalla nascita in modo distante ma coerente. La sua citazione migliore? “Un vero comandante deve saper obbedire”. Già mi manca.

 

CUORE DI CANE

E’ l’unica vera canzone d’amore del disco. La canta un amante di una donna sposata. Avere un “cuore di cane” vuol dire essere perfetti e sbagliati insieme. Ribelli e affettuosi. Bisognosi di cure ma solitari. E’ una canzone molto dolce in cui per la prima volta ho cercato di restare totalmente cinematografico nell’arrangiamento senza rinunciare alla semplicità del testo che è chiaro, diretto, deve parlarti all’orecchio come si parla al telefono di notte con chi non si può possedere. “Stare insieme” è la parola chiave ma la serratura è nascosta. Unire vite diverse è l’impresa più ardua che ho trovato in questa vita. A volte si cerca coraggio, quando manca, nell’idea che sarà il destino a portarci tra le braccia chi amiamo.

 

COS’HAI NELLA TESTA?

La vita non è fatta per essere compresa del tutto. Per essere sempre spiegata. Prima o poi, che tu lo voglia o no, sarai costretto ad abbandonare la ragione e prendere il volo verso stelle infermi, galassie di scelte difficili che ti chiedono in ginocchio di improvvisare. L’improvvisazione è tutto per me. Necessità di esperienza, di tecnica, di esempi e di talento. Ma viene il giorno in cui ci si deve buttare per scoprire davvero quanto valiamo. “Cos’hai nella testa?” parla a me stesso e a chiunque abbia ascoltato questo album. E’ una domanda e non un rimprovero. La logica lascia spazio al bisogno di disordine, nuovamente, per tornare creativi. Per non assomigliare sempre e solo a noi stessi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook