GELA (CL): ENI, ACCORDO SIGLATO, SI TORNA AL LAVORO

GELA (CL): ENI, ACCORDO SIGLATO, SI TORNA AL LAVORO

Accordo siglato. Dopo la firma e le rassicurazioni dei delegati sindacali, gli operai del petrolchimico di Gela stamane sono tornati in fabbrica. Già ieri sera sono stati rimossi i presidi alle vie di accesso al petrolchimico, ma l’idea è vigilare ancora sul rispetto del patto.

Print Friendly, PDF & Email

ENI, ACCORDO SIGLATO, SI TORNA AL LAVORO –

Gela. Dopo la firma dell’accordo, siglato al ministero per lo Sviluppo economico, già ieri sera erano stati rimossi i presidi alle vie di accesso al petrolchimico, dopo che i delegati sindacali delle varie categorie hanno illustrato alle maestranze i contenuti del protocollo d’intesa. Stamattina, gli operai della raffineria di Gela sono tornati in fabbrica, per circa un mese di agitazione avevano protestato con blocchi e scioperi contro il disimpegno dell’Eni e il suo piano industriale che prevedeva tagli agli organici e chiusura di alcuni impianti. La contestazione sindacale è rientrata dopo il protocollo che riguarda il riconoscimento, da parte dell’Eni, della validità dell’accordo del 2013 (riqualificazione produttiva dello stabilimento e investimenti per 700 milioni di euro) e l’impegno ad avviare subito le procedure, con gli opportuni interventi di manutenzione, per rimettere in marcia la linea 1 della raffineria. Resta comunque la cautela dei sindacati e dei lavoratori che restano a vigilare che il difficile percorso verso la definitiva verifica romana di metà settembre, al Mise, confermi “la volontà delle parti di restituire alla raffineria di Gela un ruolo centrale nel circuito aziendale della raffinazione”. Si discuterà durante una serie di riunioni, le garanzie per il rilancio produttivo dello stabilimento e i livelli occupazionali, nel diretto e nell’indotto. Già il primo incontro potrebbe avvenire nelle prossime ore e le parti dovranno incontrarsi a livello territoriale, per definire un programma condiviso di interventi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook