Archiviato in | Politica, Politica Regionale

PALERMO: #AMUNÌSICILIA, MANOVRE DI CENTRODESTRA

PALERMO: #AMUNÌSICILIA, MANOVRE DI CENTRODESTRA

I moderati siciliani si riuniscono a Palermo per formare un laboratorio politico: allo studio la discussione per dialogare sul futuro dei moderati isolani. Dal podio la voce di Musumeci: "Dovevamo essere noi a fare la rivoluzione". Alongi : "Parlare solo di Crocetta è un errore egli non rappresenta la maggioranza dei siciliani”

Print Friendly, PDF & Email

PALERMO: #AMUNÌSICILIA, MANOVRE DI CENTRODESTRA

Palermo. Giornata di confronto per il centrodestra siciliano che lancia #AmunìSicilia, Associazione moderati uniti, presieduta da Giusy Savarino, che a Villa Filippina ha organizzato una giornata dedicata alla ricerca e al confronto fra le varie anime del centrodesta. Un laboratorio politico che nel pomeriggio ha registrato la presenza dei capigruppo dell’Ars e i coordinatori regionali dei partiti di centrodestra per confrontarsi sul futuro dei moderati siciliani. A coordinare il dibattito, il giornalista Salvo Toscano, hanno partecipato al dibattito Piero Alongi, deputato regionale Ncd, Giampiero Cannella, coordinatore regionale Fratelli d’Italia, Toto Cordaro, capogruppo Pid-Grande Sud, Enzo Gibiino, coordinatore regionale Forza Italia, Marco Falcone, capogruppo Forza Italia, Nello Musumeci, presidente commissione Antimafia, Rino Piscitello, coordinatore regionale Pds-Mpa e Santi Formica, capogruppo Lista Musumeci. Formica ha evidenziato: “Noi abbiamo più volte battuto all’Ars il governo Crocetta e quando una minoranza, che sa di essere minoranza, va al governo, è sempre pericoloso”. Cordaro ha auspicato: “Questo dibattito deve essere solo il primo di una lunga serie se un deputato non ha radicamento territoriale, ha l’unico obiettivo di galleggiare in un’Assemblea che duri il più possibile, garantendo una maggioranza al presidente. Crocetta dovrebbe dimettersi e riportare la Sicilia al voto”. Nel suo intervento Alongi ha ribadito che: “Parlare solo di Crocetta è un errore egli non rappresenta la maggioranza dei siciliani, ecco perché il centrodestra deve battere un colpo in maniera seria. Se alle ultime Regionali non ci fossimo spaccati, Musumeci sarebbe oggi presidente della Regione”. Mentre Gibino ha tenuto a precisare che: “Nello Musumeci aveva fatto un lavoro straordinario alla Provincia di Catania. Ma nel 2012, anziché pensare al bene comune, qualcuno ha pensato che il proprio bene fosse superiore a quello comune. Abbiamo presentato il programma di Forza Italia la settimana scorsa. Con l’appuntamento di oggi continuiamo su questa strada”. Poi l’intervento di Musumeci che ha detto di: “rifare il centrodestra segnando una discontinuità rispetto al passato. Dovevamo essere noi a fare la rivoluzione, senza lasciarla a un comunista di una doppiezza disarmante. La società civile e la classe politica hanno marciato insieme con un patto scellerato: la società civile stazionava nelle segreterie di parlamentari e assessori, negli uffici. Il centrodestra deve essere un progetto, una sintesi di idee e valori che non possono essere quelle della sinistra. Dobbiamo tornare nelle piazze, la Sicilia è di centrodestra”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook