Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CARONIA (ME): TORNA L’INCUBO DEGLI INCENDI STRANI

CARONIA (ME): TORNA L’INCUBO DEGLI INCENDI STRANI

Sono riapparsi a Caronia nel messinese i soliti fenomeni misteriosi: un televisore e altri elettrodomestici hanno preso fuoco in alcune case della frazione in provincia di Messina. Le vampe si ripetono ciclicamente da undici anni. Il sindaco lancia un appello alle istituzioni: "la nostra comunità è ripiombata nella disperazione, ora è giunta l’ora di sapere"

Print Friendly, PDF & Email

CARONIA (ME): TORNA L’INCUBO DEGLI INCENDI STRANI

Caronia. Calogero Beringhi, sindaco del paese noto alla cronaca per gli incendi inspiegabili, ha chiesto un intervento immediato al Presidente del Consiglio e al Presidente della Regione Siciliana per indagare sui misteriosi fenomeni che sono tornati a manifestarsi nella zona. Da anni ci si interroga sull’origine delle vampe che, senza alcuna spiegazione plausibile, si verificano dal 2003 nelle abitazioni della famosa borgata messinese. Infatti, un televisore e altri elettrodomestici hanno preso fuoco in alcune abitazioni nella frazione Canneto di Caronia (Messina), luogo già noto in passato per la manifestazione di questi fenomeni inspiegabili che interessano gli impianti elettrici ed elettrodomestici. Sul posto sono intervenuti forze dell’ordine, vigili del fuoco, tecnici dell’Enel ed esperti della protezione civile, senza ottenere risposte. Il sindaco, Calogero Beringhi, da questa, mattina si trova nelle case di alcuni suoi concittadini nella frazione di Canneto e chiede ancora una volta: “di conoscere ufficialmente i risultati dello studio della commissione interministeriale che nel 2004 analizzò questi strani fenomeni” e poi sottolinea: ”tutta la nostra comunità è di nuovo spaventata e disperata”. Il primo cittadino spiega che: “La commissione interministeriale non ci ha mai detto ufficialmente quali sono state le loro scoperte dal 2005 al 2007, adesso è giusto che la popolazione sappia cosa è accaduto e continua ad accadere”. Solo in alcuni giornali furono pubblicate anni fa delle indiscrezioni sui risultati della commissione dove era emerso che Canneto di Caronia era stata colpita da fenomeni elettromagnetici di origine artificiale, capaci di generare una grande potenza concentrata, fasci di microonde ad altissima frequenza. Gli esperti si spinsero a ipotizzare la sperimentazione di un’arma militare. Sempre Beringhi che si trova a ispezionare i luoghi dove sono avvenuti i fenomeni dice: ”Adesso, sono qui i tecnici della protezione civile, dell’Enel e i vigili del fuoco, e nessuno riesce a spiegare come una cesta con degli indumenti abbia preso fuoco. Tra l’altro si è incendiato uno dei nuovi impianti elettrici montati dai tecnici anni fa. Tutti ora temono di ripiombare nell’incubo del gennaio 2004 quando si ebbero decine di fenomeni di autocombustione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook