Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: IL CATANIA VINCE SUL BOLOGNA 2-1, MA NULLA DA FARE

CALCIO SERIE A: IL CATANIA VINCE SUL BOLOGNA 2-1, MA NULLA DA FARE

Grinta e compattezza non bastano, ormai è troppo tardi. Il Catania riesce a vincere a Bologna 2-1 restando in campo, in dieci, per oltre un'ora, poi l'espulsione di Peruzzi. Nulla da fare, non riesce a evitare la retrocessione, per una questione aritmetica e considerate le vittorie di Sassuolo e Chievo. Le reti della giornata sono state siglate da Monzon, Morleo e Bergessio. Il club etneo torna in B dopo otto stagioni.

Print Friendly, PDF & Email

Calcio serie A. Oggi, l’impresa raggiunta allo stadio Dall’Ara da parte del Catania doveva essere uno scontro diretto e decisivo per la salvezza, ma si è rivelata una vittoria inutile e beffarda. Entrambe le formazioni erano in una situazione disperata ed erano destinate virtualmente in Serie B. Una domenica che poteva segnare il destino del Ctania si è trasformata nell’ultimo atto di una corsa nella massima serie durata otto anni. Proprio a Bologna, nello stesso stadio in cui nel 2007 fa arrivò una salvezza memorabile contro il Chievo, il Catania si trova adesso al capolinea di un ciclo passato in Serie A più lungo della sua storia. Poi d’un tratto balena la rabbia per una ritrovata compattezza all’ultimo momento, e molti rimpianti di occasioni sprecate nell’arco di una stagione sfortunata dove s’insinua il rammarico dei tanti insuccessi, poi la terribile illusione di farcela e d’un tratto l’amarezza della retrocessione causata delle vittorie ottenute da Chievo e Sassuolo che condannano gli etnei e gli emiliani. Nel corso della partita i rossoazzurri si sono mantenuti compatti esprimendo solidità e buon gioco. Qualità, che se fossero state messe in atto prima avrebbero senza dubbio condotto i rossoazzurri su altri piani della classifica. Così gli etnei sono stati costretti presentarsi a Bologna consapevoli di spettarsi un miracolo solo per continuare almeno sino all’ultimo turno sempre condizionati ai risultati delle altre squadre. L’obiettivo restava sempre aggiudicarsi la vittoria contro il Bologna per abbordarlo e lasciarselo alle spalle per il vantaggio negli scontri diretti. Vicenda complicata, proprio fino all’ultimo la formazione di Pellegrino ha mostrato di saperla gestire meglio di quanto non hanno fatto gli avversari, nonostante vi fosse lo stadio gremito grazie alle migliaia di biglietti regalati dalla società rossoblu. Nasce spontanea una domanda: perché questo exploit si è manifestato solo adesso, a tempo quasi scaduto? La scelta di lasciare ancora fuori Lodi impiegando Rinaudo come schermo davanti alla difesa si è rivelata vincente ma solo questo non può bastare a spiegare il risveglio della formazione che solo adesso mostra quella tempra attesa invano per mesi. Gli etnei con l’insperata vittoria di 7 giorni fa contro la Roma erano tornati in corsa, anche se la vittoria del Sassuolo sulla Fiorentina ha complicato di nuovo le cose, risalendo al penultimo posto in classifica con 26 punti in queste due ultime partite.

E’ chiaro che nel primo tempo il Catania ha tenuto bene il campo con forte compattezza e personalità, rischiando qualcosa solo su un paio di spunti di Konè non sfruttati da Bianchi chee passano dopo una ventina di minuti con un violento sinistro di Monzon su punizione dal limite. Peruzzi, ingenuo ha rimediato il secondo cartellino giallo per un fallo su Christodoulopoulos a 60 metri dalla porta etnea, sembrava pregiudicare ogni ambizione che ha costretto di conseguenza i rossoazzurri a disputare oltre un’ora di partita in inferiorità numerica. Nonostante tutto il Catania ha retto. Il mister Pellegrino ha collocato Izco a destra confermando un 4-4-1-1 che ha tenuto anche grazie alle difficoltà in fase di finalizzazione dei padroni di casa. Ballardini non ha risolto il problema nonostante sia passato al modulo a due punte con Cristaldo accanto a Bianchi. Ottima la prova di Frison, molto attento e previgente respingendo i diversi attacchi. Inoltre, in evidenza il tocco sulla botta di Ibson deviata sulla traversa e i diversi salvataggi su Bianchi e Cristaldo.

Il secondo tempo è passato inseguendo i risultati di Cagliari-Chievo e Sassuolo-Genoa. Dagli altri campi arrivavano notizie negative: la rete dei clivensi e l’allungo dei neroverdi dopo due agganci del Genoa condannano Catania e Bologna a prescindere dall’esito della gara del Dall’Ara. Il sinistro dal limite di Morleo che vale l’uno a uno pare l’addio anticipato alla Serie A. Tuttavia, il Catania, invece di crollare come accaduto tante altre volte, non si perde d’animo e anche in dieci raddoppia con una botta di Bergessio a conclusione di un contropiede avviato da Rinaudo. Un flash di speranza, frustrata dalle notizie provenienti da Cagliari e Reggio Emilia. Il risultato 2-1 non serve a nulla generando una forte delusione tra i tifosi catanesi.

 

TABELLINO

 

BOLOGNA-CATANIA 1-2

Bologna (3-5-1-1): Curci 5, Antonsson 5, Natali 5.5, Sorensen 5 (36′ pt Cristaldo 5), Garics 5, Friberg 5, Krhin 5.5 (1′ st Ibson 5.5), Christodoulopoulos 4.5, Morleo 6, Kone 5.5, Bianchi 4.5 (17′ st Acquafresca 5). (32 Stojanovic, 35 Cech, 75 Crespo, 22 Mantovani, 13 Laxalt, 24 Pazienza, 88 Paponi, 10 Moscardelli, 12 Acquafresca). All.: Ballardini 4.5.

Catania (4-3-3): Frison 7.5, Peruzzi 3, Gyomber 6, Rolin 6, Monzon 6.5, Izco 6, Rinaudo 7, Barrientos 6 (10′ st Plasil 6), Leto 6 (19′ st Bellusci 6), Bergessio 7, Castro 6 (31′ st Biraghi 6). (35 Ficarra, 6 Legrottaglie, 33 Capuano, 31 Cabalceta, 14 Bellucci, 4 Almiron, 23 Boateng, 26 Keko, 7 Fedato, 10 Lodi). All.: Pellegrino 7.5

Arbitro: Rocchi di Firenze 6.

Reti: nel pt 21′ Monzon, nel st 33′ Morleo, 38′ Bergessio.

Note: angoli 12-1 per il Bologna. Recupero: 3′ e 5′. Espulsi: Peruzzi a 29′ pt per doppia ammonizione, Paponi per proteste. Ammoniti: Christodoulopoulos, Rolin, Kone e Rinaudo per gioco scorretto, Frison e Bianchi per comportamento non regolamentare e Morleo per proteste. Spettatori: 30.929 (di cui 13.295 abbonati), 193.891 euro di incasso (di cui 124.954 rateo abbonati). Paponi, in panchina, espulso per proteste dopo il secondo gol del Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook